Coronavirus, in Basilicata due sospetti in quarantena volontaria


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

E’ negativo l’esito del (primo) test per contagio da Coronavirus effettuato su “due lucani provenienti da Codogno (Lodi): ad ulteriore precauzione gli stessi cittadini hanno deciso per una quarantena volontaria”.

Lo ha reso noto, attraverso l’ufficio stampa della Giunta lucana, la task force istituita dalla Regione Basilicata con il “compito di monitorare e gestire eventuali casi di contagio da nuovo Coronavirus a livello regionale”.

Ed è risultato negativo al Coronavirus il tampone effettuato su un imprenditore recatosi nella clinica Villa dei fiori ad Acerra (Napoli), con sintomi che hanno fatto scattare i necessari protocolli di sicurezza.

Lo rende noto il sindaco Raffaele Lettieri, che nelle ultime ore aveva attuato tutte le misure necessarie alla pubblica incolumità in attesa dei risultati del test. In isolamento era finito un imprenditore di un comune limitrofo, che ha detto ai sanitari di aver lavorato a Prato in stretto contatto con persone orientali.

I sanitari hanno quindi disposto il tampone e messo in isolamento l’uomo, due medici e un infermiere con il quale l’imprenditore era venuto in contatto nel nosocomio. Negativi gli esiti del test anche per un altro caso sospetto segnalato ieri in Campania, quello di un autista di Ravello (Salerno) che aveva riferito contatti con turisti provenienti dall’Asia.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM