3 Ottobre 2022

I “Gilet Arancioni” del generale Pappalardo protestano in diverse piazze: “Libertà”

Correlati

Migliaia di persone aderenti al movimento “Gilet Arancioni”, fondato in questi mesi di lockdown dall’ex generale dei Carabinieri Antonio Pappalardo, hanno manifestato il loro dissenso contro il governo in diverse città italiane.

Qualche migliaio di persone si sono radunate in Piazza Duomo, a Milano, per invocare, tra le altre cose, “libertà e dignità”, oltre che il ritorno alla “lira italica” e un “governo votato dal popolo”.

Proteste anche in Piazza Maggiore a Bologna. Gruppi di persone, tra cui anche alcuni Gilet arancioni, si sono ritrovati sul Crescentone, con striscioni e bandiere.

Gilet arancioni in piazza anche a Torino, dove i manifestanti si sono radunati in piazza Statuto, nel centro della città, per una manifestazione di protesta al grido di “libertà, libertà” e “dignità, dignità”. La manifestazione si è svolta pacificamente e senza intoppi.

In molti casi si sono creati assembramenti. Scrive al riguardo un utente sulla pagina del generale Pappalardo: “A tutti quelli che stanno criticando la manifestazione di oggi per le norme di sicurezza ricordo che qualche settimana fa i ristoratori hanno manifestato nel pieno rispetto di tutte le norme sul distanziamento sociale e sono stati multati di 400 euro ciascuno senza nessuna pietà….forse è ora di cambiare musica per farsi sentire”.

Qualche tensione a Roma dove gruppi di persone e Gilet arancioni si sono radunati in piazza per andare a protestare sotto Palazzo Chigi, sede del governo. I manifestanti hanno però trovato sbarrate le strade di accesso da numerose camionette della Polizia e centinaia di agenti in tenuta antisommossa.

Quella di oggi rientra in una serie di manifestazioni in diverse città italiane che precedono quella nazionale a Roma annunciata dal generale Pappalardo per il prossimo 2 Giugno. “Saremo milioni – aveva detto l’ex alto ufficiale dell’Arma -, in una manifestazione di protesta contro i governanti che sarà pacifica e non violenta”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

La Russia annette il Donbass. Il discorso di Putin: “Èlite occidentali arroganti. Noi Potenza sovrana”

Il presidente russo: "Non c'è più spazio per il colonialismo e l'egemonia degli Usa. La Russia oggi è tornata ad essere una grande Nazione, una grande potenza millenaria, un Paese di civiltà, e non ha intenzione di vivere secondo le regole truccate e fasulle dell'Occidente"

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER