Duro colpo al clan Casamonica, venti arresti


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Duro colpo al clan Casamonica. Venti arresti sono stati eseguiti oggi dalla Polizia di Stato con il coordinamento della Procura di Roma, 15 in carcere e 5 ai domiciliari, ed è stato disposto il sequestro di beni, società e conti correnti per 20 milioni di euro, in particolare contro il gruppo della Romanina, che dopo le operazioni che hanno già colpito la famiglia era diventato il ‘quartier generale’ riconosciuto dall’organizzazione, con una “struttura orizzontale la cui forza è dettata dall’appartenenza alla famiglia Casamonica” scrive il gip Mendola nell’ordinanza cautelare di 467 pagine emessa su richiesta della locale Dda.

Gli indagati sono accusati di associazione di stampo mafioso, estorsione, usura e intestazione fittizia di beni. Nell’operazione sono stati impiegati più di 150 uomini della polizia del Servizio Centrale Operativo, della Squadra Mobile di Roma e del Commissariato Romanina.

INDAGINI GRAZIE A COLLABORATORI E INTERCETTAZIONI
Intercettazioni, audio e video, oltre al ruolo fondamentale delle dichiarazioni di 4 collaboratori di giustizia. E’ così che si è arrivati all’operazione di oggi. Importanti in particolare le dichiarazioni di un membro “intraneo” alla famiglia che ha potuto tracciare l’organigramma dell’organizzazione, riferire in merito alle attività delittuose perpetrate e, soprattutto, spiegare le dinamiche interne al gruppo, impossibili da ricostruire in altro modo considerato l’utilizzo della lingua sinti. Grazie a queste dichiarazioni è stato possibile non solo riscontrare i singoli episodi delittuosi ma soprattutto dimostrare “l’esistenza di un sodalizio criminoso – spiegano investigatori e inquirenti – caratterizzato, nel suo operare, da modalità evidentemente mafiose”.

L’intercettazione: “Proteggemo Roma, ce vonno distrugge”
“Perché i Casamonica proteggono Roma, invece hanno stufato, i napoletani vonno entrà, la camorra vò entrà a Roma e i calabresi vonno entrà a Roma, je dà fastidio perché noi proteggemo Roma’”. Così Guido Casamonica, figlio di Ferruccio, in un’intercettazione si lamentava dei provvedimenti giudiziari emessi nei confronti di altri membri del clan, sostenendo che l’annientamento dell’organizzazione fosse finalizzata a consentire alle organizzazioni forti di mettere le mani su Roma. “Devono far entrare le organizzazioni forti a Roma ecco perché ce vonno distrugge a noi”.

Intercettazioni, audio e video, oltre al ruolo fondamentale delle dichiarazioni di 4 collaboratori di giustizia. E’ così che si è arrivati all’operazione di oggi contro il clan Casamonica a Roma. Importanti in particolare le dichiarazioni di un membro “intraneo” alla famiglia che ha potuto tracciare l’organigramma dell’organizzazione, riferire in merito alle attività delittuose perpetrate e, soprattutto, spiegare le dinamiche interne al gruppo, impossibili da ricostruire in altro modo considerato l’utilizzo del sinti, lingua difficilmente decifrabile. Grazie a queste dichiarazioni è stato possibile non solo riscontrare i singoli episodi delittuosi ma soprattutto dimostrare “l’esistenza di un sodalizio criminoso – spiegano investigatori e inquirenti – caratterizzato, nel suo operare, da modalità evidentemente mafiose”.

Capo Anticrimine della Polizia: “Avevano colonizzato gran parte di Roma”
“L’operazione è importante non soltanto per l’aspetto repressivo in quanto tale perché colpiamo il gruppo mafioso dei Casamonica, noti a Roma da tempo e che avevano colonizzato la parte Sud-Est della Capitale e in parte anche i Castelli” ha commentato all’Adnkronos Francesco Messina, direttore centrale anticrimine della Polizia.

“A parte l’aspetto repressivo puro, che ha portato alla contestazione del 416 bis per questi soggetti considerati come appartenenti a un clan di mafia locale, c’è un aspetto importante che è quello patrimoniale perché abbiamo per la prima volta utilizzato un modello operativo che prevede anche l’intervento della Divisione anticrimine accanto alla Squadra mobile e quindi del Servizio Centrale anticrimine accanto allo Sco”, ha chiarito il direttore centrale anticrimine della Polizia.

“Abbiamo eseguito un sequestro per un ammontare di 20 milioni di euro grazie a una misura di prevenzione irrogata dal giudice competente su proposta congiunta del questore e del procuratore di Roma – ha spiegato Messina – C’è un modello operativo nuovo in questa operazione, è la prima volta che si agisce con una proposta congiunta e un sequestro congiunto a Roma”.

“La proposta di misura di prevenzione patrimoniale riguarda beni immobili, beni societari e oltre 140 conti correnti e ci ha consentito di portare via a questi soggetti ben 20 milioni di euro. Non è una cosa da poco perché se noi attingiamo alla provvista in nero e colpiamo il patrimonio, rendiamo difficile la prosecuzione della vita del clan – ha sottolineato Messina – Loro hanno bisogno di soldi per mantenere i carcerati, per mantenere le famiglie, per pagare i difensori. Se colpiamo questo noi contribuiamo ad avere dei risultati che sono utili a eradicare il fenomeno, piuttosto che soltanto a neutralizzarlo”.

“Il sequestro di oggi – ha poi aggiunto Messina – che non è più soltanto un sequestro penale ma è una misura di prevenzione patrimoniale ci consente di attingere a un patrimonio più ampio di quello che avremmo potuto colpire semplicemente con il sequestro penale. Allo stato dei fatti il sequestro penale sarebbe stato di 10 milioni invece, con questa misura di prevenzione, che si basa sul codice antimafia, siamo riusciti a sequestrare il doppio, 20 milioni complessivamente. La valutazione che si fa non è connessa solamente ai reati consumati ma anche alla pericolosità sociale e all’attualità della pericolosità sociale del gruppo. Questo è il dato innovativo sotto il profilo strategico ed è una cosa che possiamo fare noi della Polizia di Stato perché il potere di proposta ce l’ha il questore”.

Il procuratore di Roma, Michele Prestipino, nel corso dell’incontro stampa sull’operazione ha spiegato che “l’indagine iniziata da diverso tempo non si ferma come dimostra anche l’operazione di questa mattina. E’ un risultato straordinario che attraverso gli arresti e i sequestri dei beni accumulati illecitamente dimostra l’azione costante della Procura e della Polizia nel contrasto ai clan”. Il procuratore ha poi sottolineato come “privare della ricchezza significa depauperare le organizzazioni della loro forza criminale. Quello di oggi è un provvedimento che porta la firma congiunta del procuratore e del questore”.

destinatari di custodia cautelare in carcere

1. CASAMONICA Guerrino, detto Pelé, classe 1970,

2. CASAMONICA Giuseppe classe 1950,

3. CASAMONICA Sonia classe 1980,

4. CASAMONICA Ferruccio classe 1950,

5. DI SILVIO Gelsomina, detta Silvana, classe 1955,

6. CASAMONICA Christian classe 1984,

7. CASAMONICA Raffaele classe 1972,

8. PACE Daniele classe 1991,

9. CANDIT Carolina classe 1982,

10. FILIPI Griselda classe 1989,

11. IANNINI Piero classe 1951,

12. MENUNNO Danilo classe 1977;

13. D’AGUANNO Manolo classe 1991,

14. BRUNI Angelo classe 1988,

15. PRESUTTI Alessandro classe 1973.

destinatari della misura cautelare degli arresti domiciliari:

16. BRUNI Giuseppe classe 1982,

17. CASAMONICA Dora classe 1976,

18. PAIELLA Luciano classe 1949,

19. PANITTERI Alessandro classe 1955,

20. MANZO Vanessa classe 1979.

I soggetti indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di aver preso parte all’associazione mafiosa denominata “clan CASAMONICA, in particolare all’articolazione territoriale operante nella zona Romanina-Anagnina-Morena della città di Roma, al fine di commettere:

–          delitti contro il patrimonio (nella specie, usura ed estorsioni), contro la vita e l’incolumità individuale e in materia di armi,

–          affermare il controllo egemonico sul territorio, realizzato anche attraverso accordi con organizzazioni criminose omologhe,

–          conseguire vantaggi patrimoniali dalle attività economiche che si svolgono nel territorio attraverso o la partecipazione alle stesse, ovvero con la riscossione di somme di denaro a titolo di compendio estorsivo,

–          acquisire direttamente o indirettamente la gestione e/o il controllo di attività economiche in diversi settori,

nonché dei reati fine di estorsione, usura, esercizio abusivo dell’attività finanziaria e intestazione fittizia di beni, tutti aggravati ex art. 416 bis.1 c.p..

Con il medesimo provvedimento è stato altresì disposto, ed eseguito, il sequestro preventivo dei seguenti beni:

  1. a)quote della GG.AA.S. s.r.l., società tramite la quale CASAMONICA Guerrino e CASAMONICA Sonia gestivano in modo occulto l’esercizio commerciale denominato “DEGUSTAZIONE 14” sito in Roma via G. Volpe n. 24/26;
  2. b)quote della M.A. s.r.l.s., fittiziamente intestate a FILIPI Griselda, società tramite la quale CASAMONICA Cristian gestiva in modo occulto l’impianto di distribuzione carburanti e l’esercizio commerciale denominato “Leon Bar” entrambi ubicati in San Cesareo (RM) via di Gallicano n. 34/A;
  3. c)terreno sito nel comune di Roma in via Roccabernarda n. 8 e i fabbricati ivi realizzati tra cui una villa a più piani con relativa piscina riconducibile a CASAMONICA Guerrino, ma fittiziamente intestata a CASAMONICA Dora;
  4. d)fabbricati ubicati nel comune di Roma via Flavia Demetria n. 90 di fatto riconducibile a CASAMONICA Giuseppe (classe 1950), ma fittiziamente intestato prima a CASAMONICA Mirella poi a CASAMONICA Giuseppe (classe 2001);
  5. e)fabbricato ubicato in Monterosi (VT) via degli Uccelletti n. 37, di fatto riconducibile a DI SILVIO Anna CASAMONICA Giuseppe (classe 1950);

Il valore dei beni sottoposti a sequestro ammonta a circa 10 milioni di euro.

Contestualmente agli arresti, personale della locale Divisione Polizia Anticrimine- Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali ha eseguito un provvedimento di sequestro di beni ai fini della confisca emesso dal Tribunale di Roma – Sezione delle Misure di Prevenzione, per un valore di circa 20 milioni di euro, nei confronti del clan mafioso CASAMONICA.

Il provvedimento è stato emesso, ai sensi del T.U. Antimafia, su proposta congiunta del Procuratore della Repubblica di Roma e del Questore della provincia di Roma, secondo una strategia avviata su impulso del Servizio Centrale Anticrimine in tutto il territorio nazionale.

LE INDAGINI

L’odierna operazione, frutto di complesse e articolate indagini, ha consentito di individuare l’esistenza a Roma di due clan facenti capo a CASAMONICA Giuseppe e a CASAMONICA Ferruccio, che hanno strutturato un’associazione di tipo mafioso finalizzata, attraverso la commissione di reati fine tra i quali usura, estorsione, esercizio abusivo di attività finanziaria e intestazione fittizia di beni, a procurarsi ingiusti profitti e/o vantaggi per sé e per i membri del sodalizio criminale, per ciascuno dei quali sono stati delineati ruoli e compiti.

In particolare:

CASAMONICA Ferruccio nel ruolo di direzione, con compiti di decisione, pianificazione delle modalità di impiego del denaro provento della illecita attività criminale del clan, provvedendo a impartire disposizioni in ordine al pagamento dei difensori dei sodali arrestati e al recupero delle somme dai soggetti usurati per conto dei sodali arrestati e partecipando personalmente alla realizzazione di molteplici delitti di usura, estorsione e in materia di armi oltre all’esercizio abusivo dell’attività finanziaria (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

DI SILVIO Gelsomina detta “Silvana nel ruolo di organizzatrice perché, originariamente in qualità di moglie di CASAMONICA Ferruccio, e successivamente in virtù del prestigio acquisito, fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, partecipando alla commissione -insieme al figlio Raffaele- dei delitti di usura (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

CASAMONICA Raffaele perché fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, partecipando alla commissione di molteplici reati fine e continuando ad aderire all’attività del sodalizio anche dopo la carcerazione del 2015, mediante indicazioni agli associati di procedere alla riscossione delle rate mensili dei prestiti ad usura erogati nei confronti di molteplici vittime (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

CASAMONICA Christian perché fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, partecipando alla commissione di molteplici reati fine e a diversi delitti di usura e esercizio abusivo dell’attività finanziaria e mettendosi a completa disposizione degli interessi del clan (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

CASAMONICA Giuseppe perché fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, partecipando alla commissione di molteplici reati fine, e più in generale mettendosi a completa disposizione degli interessi del clan, cooperando con gli altri associati nella realizzazione del programma criminoso (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

CASAMONICA Guerrino perché fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, partecipando alla commissione di molteplici reati fine, tra cui usura ed estorsione, e più in generale, mettendosi a completa disposizione degli interessi del clan, cooperando con gli altri associati nella realizzazione del programma criminoso del gruppo (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

CASAMONICA Sonia perché fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, partecipando alla commissione di molteplici reati fine e cooperando con gli altri associati nella realizzazione del programma criminoso (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

PACE Daniele perché, quale stretto collaboratore di CASAMONICA Christian e, più in generale, uomo di fiducia della famiglia facente capo a CASAMONICA Ferruccio (classe 1950), fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, fungendo da collettore degli interessi del clan, provvedendo a raccogliere mensilmente dai singoli usurati il denaro frutto dei prestiti usurari, elargiti dagli appartenenti al clan, e a consegnarlo ai familiari degli esponenti del clan tratti in arresto e, conseguentemente, partecipando alla commissione di molteplici reati fine (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

FILIPI Griselda perché fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, partecipando alla commissione di reati fine, consentendo all’organizzazione di ampliare sul territorio la propria capacità finanziaria offrendo con il proprio ruolo la necessaria “schermatura” che consente al clan CASAMONICA di acquisire il controllo di attività commerciali (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1);

CANDIT Carolina perché, in qualità di compagna di CASAMONICA Ferruccio cl. 50, fornisce un costante contributo per l’operatività dell’associazione, contribuendo a mantenere aggiornata la “contabilità” relativa alle somme da riscuotere nei confronti delle persone usurate o comunque oggetto di abusivo esercizio dell’attività di finanziamento, intervenendo nell’attività di recupero mensile dalle molteplici vittime del denaro frutto dei prestiti usurari elargiti dagli appartenenti al clan (artt. 416 bis commi I, II, III, IV, V, 416 bis.1).

L’attività investigativa è stata espletata mediante numerose operazioni di intercettazione e attività di videoripresa supportate da servizi sul territorio, assunzione di informazioni da numerose persone informate sui fatti, riconoscimenti fotografici, perquisizioni e sequestri.

Inoltre, ha avuto un fondamentale input dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, tra cui uno intraneo alla famiglia che ha potuto tracciare l’organigramma del sodalizio, riferire in merito alle attività delittuose perpetrate e, soprattutto, spiegare le dinamiche interne alla consorteria, impossibili da ricostruire in altro modo considerato l’utilizzo del sinti, lingua difficilmente decifrabile.

Tali dichiarazioni hanno consentito non solo di riscontrare i singoli episodi delittuosi ma soprattutto di attestare l’esistenza di un sodalizio criminoso caratterizzato, nel suo operare, da modalità evidentemente mafiose.

Tutti i collaboratori hanno descritto chiaramente la particolare struttura del clan CASAMONICA:

un sistema complesso costituito da più nuclei familiari, collegati tra loro in maniera orizzontale e non verticistica, dediti a numerose attività criminali, i quali, pur essendo autonomi, sono sempre pronti a unirsi qualora vi sia necessità di far fronte a pericoli o minacce provenienti dall’esterno, in quanto legati da un comune senso di appartenenza alla medesima famiglia.

La conferma della struttura orizzontale e dell’autonomia delle diverse famiglie che compongono il clan CASAMONICA, proviene direttamente dalle intercettazioni svolte nel corso delle indagini.

Significativa in tal senso è la conversazione in cui il fedelissimo sodale PACE Daniele, rispondendo al suo interlocutore sull’importanza del sodalizio criminale al quale appartiene, asserisce esplicitamente “a Roma? la prima!”, confermando altresì l’assenza di una compagine piramidale: “ma non c’hanno una piramidale loro”.

Il senso di appartenenza ad una associazione di stampo mafioso equiparabile alle consorterie “tradizionali” -camorra o la ‘ndrangheta- e il riconoscimento della sussistenza del vincolo associativo vengono ribaditi in modo esplicito nel corso di un’altra emblematica conversazione captata durante l’attività tecnica.

CASAMONICA Guido, figlio di Ferruccio cl. 50, lamentandosi dei provvedimenti giudiziari emessi nei confronti di altri membri del clan, afferma che l’annientamento del sodalizio è finalizzato a consentire alle organizzazioni forti di mettere le mani su Roma:

“DEVONO FAR ENTRARE … DEVONO FAR ENTRARE …ORGANIZZAZIONI FORTI A ROMA ECCO PERCHÈ CE VONNO DISTRUGGE A NOI!! LA CAMORRA E LA N’DRANGHETA”

Sottolineando, poco dopo, che la presenza dei CASAMONICA sul territorio consente di PROTEGGERE la Capitale, sottraendo conseguentemente la città al controllo dei clan camorristici e delle cosche calabresi:

“PERCHÈ I CASAMONICA PROTEGGONO ROMA ..INVECE HANNO STUFATO… I NAPOLETANI VONNE ENTRA’..LA CAMORRA VO’ ENTRA’ A ROMA E I CALABRESI VONNO ENTRA’ A ROMA”

JE DA FASTIDIO PERCHÈ NOI PROTEGGEMO ROMA

Nel corso delle attività è stata ricostruita la storia dei due gruppi familiari nel corso dell’ultimo ventennio – anche attraverso l’acquisizione dei diversi provvedimenti adottati nel tempo dall’Autorità Giudiziaria – e si è riscontrato che le attività illecite, commesse dai componenti dei due sodalizi criminali, sono rimaste quasi del tutto immutate.

I due nuclei familiari dei CASAMONICA –strettamente legati da vincoli di parentela- hanno operato in diversi quartieri della Capitale (Romanina, Anagnina, Tuscolano) nonché verso i comuni limitrofi di Grottaferrata, Frascati, Albano, Monte Compatri e San Cesareo, radicandosi sul territorio nel corso di oltre vent’anni e riuscendo a ostentare, per il solo fatto dell’esistenza di un gruppo egemone di una comunità etnica di cospicue dimensioni presente sul territorio di Roma, una capacità di intimidazione effettiva.

Le dichiarazioni rese dai collaboratori– tutte coincidenti sul tema dell’utilizzo del metodo mafioso, dell’individuazione di un effettivo potere di intimidazione manifestato dal clan CASAMONICA e sulle condizioni di assoggettamento delle vittime – hanno rinvenuto numerosi elementi di riscontro, anche in merito alla realizzazione di innumerevoli reati scopo quali usura, estorsione, esercizio abusivo di attività finanziaria e intestazione fittizia di beni.

Le conversazioni telefoniche e ambientali intercettate, dal contenuto esplicito e inequivocabile, hanno ulteriormente corroborato la metodologia mafiosa e la conseguente omertà delle persone offese, molte delle quali hanno manifestamente negato il loro ruolo di vittime, non offrendo alcuna collaborazione e non riconoscendo l’Autorità dello Stato.

Tale situazione ha dimostrato come il clan CASAMONICA si sia imposto e sia stato percepito dalla generalità delle persone che abitano nella zona di influenza del sodalizio come una struttura che ha affermato il proprio predominio sul territorio.

In particolare, è emerso che le persone offese, una volta ricevuto un prestito dai CASAMONICA, non riescono più a sottrarsi alle richieste di denaro da parte degli indagati, stabilendo, di fatto, “un legame a vita” con i creditori.

Le risultanze investigative hanno evidenziato, infatti, l’aumento degli interessi in caso di omesso pagamento delle rate nonché le gravi minacce e intimidazioni dirette al recupero forzoso del credito, attuate mediante uno schema di azione ampiamente noto e collaudato, già emerso nei numerosi processi celebrati nei confronti degli appartenenti al clan CASAMONICA.

Schema che è stato posto in essere indifferentemente da ciascuno dei partecipi al sodalizio -a conoscenza del credito da riscuotere, anche quando concesso da altri associati, del tasso imposto e delle scadenze- con la finalità precipua di costringere la vittima, in caso di ritardo, a corrispondere, a titolo di interesse, somme sempre più elevate, in modo da impedire la restituzione del capitale e tenere gli usurati in uno stato di totale soggezione e asservimento.

Al riguardo, le modalità di recupero dei crediti, attestanti l’esercizio della forza di intimidazione proprio delle consorterie mafiose, sono risultate caratterizzate da più fasi di pressione crescente, sino a sfociare in atti di violenza morale e fisica nei confronti delle vittime e, quindi, in condotte di natura estorsiva, in quanto oggettivamente prive di giustificazione e fondate esclusivamente sulla forza di intimidazione del gruppo, il quale, a volte, non ha neanche la necessità di far ricorso a minacce esplicite per ottenere la consegna di quanto indebitamente preteso.

Gli atteggiamenti di prevaricazione, le minacce e i metodi violenti sono stati ampiamente documentati dalle operazioni di intercettazione.

CASAMONICA Ferruccio, dinanzi alle giustificazioni di un usurato, esprime senza mezzi termini le gravi conseguenze fisiche scaturenti dai mancati pagamenti:

“senti..mo scenno lo sai dove te butto io a te? … mò te darei na bastonata in testa..te spaccherei la testa!!…..le mascelle te romperebbi io!!.”

Ancora, Christian CASAMONICA, minaccia pesantemente la propria vittima, colpevole di non aver consegnato il denaro:

“ma tu non ci credi io che ti faccio a te tu a me me sa che non mi… tu a me…tu non vuoi crede che se voglio io ti prendo…non vuoi  capire”.

Inoltre, non contento delle rassicurazioni fornite dall’usurato, il CASAMONICA continua a intimorire l’interlocutore dando seguito a una serie di imprecazioni:

“mi hai rotto il c….mi hai rotto il c….mi hai rotto il c…..bocchin…..mi hai rotto il c…..come te lo devo dire che mi hai rotto il c….? che hai deciso?“.

Dalle indagini è emersa altresì la partecipazione da parte di altri membri, anche non di etnia sinti, che hanno fornito un contributo anche materiale, con la messa a disposizione di ogni risorsa personale per qualsiasi impiego criminale richiesto, rafforzando il proposito criminoso e la potenzialità operativa del sodalizio.

Emblematico, al riguardo, un episodio in cui PACE Daniele – dovendo recuperare un credito conseguente ad un prestito erogato da CASAMONICA Christian – manifesta la propria arroganza e capacità intimidatoria, dovuta al fatto di esser riconosciuto come intraneo al clan CASAMONICA, colpendo un usurato, per il ritardo accumulato nel corrispondere le rate del prestito, con uno schiaffo al viso sulla pubblica via.

Di tale condotta, il sodale PACE si vanta proprio con Christian CASAMONICA esaltando le proprie “gesta”:

“…ma va va.. aho te sei perso una scena…ti sei perso il tuo nipote in azione… dico te sei perso tu nipote in action…giubbone in action… …ancora sta a cerca’ l’occhiali, non lo so…sta ancora a cercalli…”

Inoltre, a riprova delle piena condivisione della metodologia mafiosa utilizzata, estremamente significativo il commento di MENUNNO Danilo, compartecipe nella condotta estorsiva, il quale definisce “educativa” la sberla data da PACE, sottolineando anche la funzione di monito del violento atto:

“no educativa…pam secca tu c’hai una bella mano quindi quando gliel’hai data pam si è sentito un bello scrocchio secca educativa…infatti hai visto non è che gli è uscito il sangue o  niente… …. è..invece gliel’hai data educativa solo per dire :”pezzo di merda che voi l’altre?”

Importantissimo riscontro, in ordine alle illecite attività di usura e di esercizio abusivo del credito posta in essere dagli appartenenti alla famiglia CASAMONICA, è stato ottenuto all’esito della perquisizione eseguita presso un terreno, sito in località Ciampino, sottoposto a confisca con un provvedimento emesso nel 2017 dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione nei confronti di CASAMONICA Guido.

Nel corso dell’attività di p.g., infatti, è stato rinvenuto, abilmente occultato sotto terra, un involucro completamente avvolto da nastro isolante che custodiva assegni bancari – chiaramente rilasciati dalle vittime a garanzia del prestito ottenuto – e alcuni manoscritti contenenti le liste dei nomi degli usurati, con l’indicazione, per ciascun soggetto, del giorno del mese in cui effettuare il pagamento degli interessi, dell’importo della rata mensile e dell’ammontare del denaro prestato, ossia il capitale da restituire.

Parimenti, ulteriori riferimenti a prestiti di natura usuraria, sono stati rinvenuti in altra documentazione trovata in possesso di coloro che hanno agito per conto del clan, come D’AGUANNO Manolo e IANNINI Piero.

In particolare, i citati soggetti sono stati trovati in possesso -rispettivamente e in distinte circostanze- di buste da lettera sul cui retro erano elencati una serie di nominativi associati all’ammontare del denaro, in alcuni casi incassato e in altri no, e di un’agendina sulla quale erano segnati dei soprannomi contraddistinti da utenze telefoniche e da una o più cifre.

L’analisi di tale documentazione ha consentito di rilevare l’esatta corrispondenza di alcuni nominativi e/o pseudonimi con quelli presenti sulle liste sequestrate in occasione della perquisizione effettuata nel citato terreno confiscato.

I conseguenti accertamenti, inoltre, supportati dalle risultanze dell’attività tecnica, hanno permesso di ricostruire i delitti di usura e/o estorsione commessi dal clan CASAMONICA nei confronti di oltre trenta persone, nonché l’esercizio abusivo del credito verso circa 50 soggetti.

L’inchiesta giudiziaria ha per di più comprovato la rilevante disponibilità di denaro da parte degli appartenenti al clan CASAMONICA, quale provento delle attività illecite, atteso la pressoché inesistenza di redditi ufficiali.

Analogamente, è stata documentata la maggiore cautela adottata negli ultimi anni – soprattutto a seguito delle misure di prevenzione patrimoniali adottate dall’Autorità giudiziaria così come del clamore mediatico generato dal funerale di CASAMONICA Vittorio – che ha indotto a preferire investimenti non tracciabili (acquisti di auto, abbigliamento e accessori di lusso, tutti rigorosamente in contanti) o l’utilizzo di prestanome di assoluta fiducia.

I proventi dell’attività illecita acquisiti dagli indagati, oltre ad essere destinati al sostentamento delle famiglie dei detenuti e per il pagamento delle spese legali, sono stati investiti mediante occultamento dei reali titolari dei beni e intestazione a soggetti prestanome, continuando invece i CASAMONICA a gestire di fatto le attività, così come gli immobili, e ad acquisire i relativi introiti utilizzati per il sostentamento della vita dell’associazione medesima.

In particolare, è emerso un grave quadro indiziario in ordine all’acquisizione della società l.m.a. s.r.l.s. -intestata fittiziamente a FILIPI Griselda, compagna di CASAMONICA Cristian- tramite la quale quest’ultimo gestiva in modo occulto l’esercizio commerciale “Leon Bar” (ora “Bilionare Cafè”) e l’impianto distributore di carburanti ubicati a San Cesareo in via Gallicano.

Il clan CASAMONICA, attraverso l’esposizione debitoria di BRUNI Angelo, è riuscito a subentrare nelle attività commerciali dallo stesso gestite, secondo la strategia esplicitata da CASAMONICA Christian, il quale si è avvalso della sua compagna per non figurare direttamente quale titolare della società, con l’evidente finalità di scongiurare in futuro il sequestro dei beni.

L’ingerenza del sodalizio finalizzata all’acquisizione delle attività commerciali è risultata dal contenuto dei dialoghi intercettati, molti dei quali assolutamente espliciti, idonei a comprovare l’obiettivo, poi attuato, di acquisizione del Leon Bar, bar tabacchi con licenza per slot machine, al quale è annesso anche un distributore di benzina.

Altrettanto eloquenti i dialoghi inerenti l’obiettivo preordinato di CASAMONICA Christian di costituire una società per la gestione del bar, amministrata dalla compagna Griselda, nonché di affidare la predetta gestione all’indagato PACE, che ha anche contribuito all’attività preordinata all’attribuzione fraudolenta.

Altra vicenda riguarda l’intestazione fittizia delle quote sociali della “GG.AA.S srl”, società tramite la quale CASAMONICA Guerrino e CASAMONICA Sonia hanno gestito in modo occulto l’esercizio commerciale denominato “Degustazione 14”, sito in via Gioacchino Volpe.

Il complessivo materiale probatorio acquisito nel corso delle investigazioni ha reso evidente come la titolarità delle quote societarie -formalmente intestate per il 99% a MARCIANO Maria Luisa- di fatto è stata rilevata con il provento dell’illecita attività di usura ed esercizio abusivo di attività finanziaria, al fine di affermare la propria egemonia sul territorio, di acquisire il controllo delle attività economiche e di procurarsi ingiuste utilità, in attuazione degli scopi e degli obiettivi dell’associazione criminosa della quale CASAMONICA Guerrino e CASAMONICA Sonia fanno parte.

Nel corso delle indagini sono stati raccolti gravi elementi probatori anche in merito alle intestazioni fittizie delle ville ove dimorano rispettivamente CASAMONICA Giuseppe (classe 1950) e il figlio Guerrino detto Pelè, ovvero quelle site rispettivamente in via Flavia Demetria nr. 90 e in via Roccabernarda nr. 8.

L’attività investigativa ha confermato che al fine di ostacolare l’adozione di misure patrimoniali, gli appartenenti al clan nel corso degli anni hanno modificato i luoghi di residenza al fine di rendere maggiormente difficile l’individuazione dei nuclei familiari effettivamente presenti presso un determinato domicilio.

In particolare, gli accertamenti consentivano di ricostruire le vicende intercorse nel tempo in ordine alla proprietà della villa sita in via Flavia Demetria.

L’immobile era stato acquistato nel 1986 da CASAMONICA Guerrino, all’epoca minorenne, al prezzo di 70 milioni di Lire, cifra ragguardevole per quei tempi, soprattutto per un soggetto privo di redditi, così come senza alcun reddito sono risultati gli altri familiari.

Dopo qualche anno l’immobile, che nel frattempo a seguito di ristrutturazioni e migliorie aveva subìto un notevole incremento di valore, è stato donato a CASAMONICA Mirella, sorella di Giuseppe cl. ’50, la quale poco prima aveva fissato la residenza proprio in via Flavia Demetria.

Ulteriore donazione viene poi effettuata dopo dodici anni: l’immobile viene devoluto a CASAMONICA Giuseppe, figlio di Guerrino, nonché nipote di Giuseppe cl. 50, che all’epoca non aveva 5 anni. Tale donazione viene effettuata proprio da CASAMONICA Giuseppe cl. 50, quale procuratore speciale della sorella Mirella, la quale trasferisce la sua residenza altrove.

Nonostante le varie intestazioni immobiliari succedutesi nel tempo e le molteplici variazioni degli indirizzi di residenza, è stata comprovata la piena disponibilità dell’immobile in capo a CASAMONICA Giuseppe (cl. 50) e alla moglie DI SILVIO Anna, i quali risultano attualmente residenti in via Modesta Valenti, “domicilio virtuale” che viene indicato per consentire l’iscrizione anagrafica ai soggetti senza fissa dimora.

Altro immobile di fatto riconducibile ai predetti è risultato quello sito a Monterosi (VT), fittiziamente intestato, anche in questo caso, a un nipote minorenne.

Anche l’ipotesi della riconducibilità della villa di via Roccabernarda nr. 8 a CASAMONICA Guerrino è stata pienamente comprovata dalle attività investigative.

Le operazioni di intercettazione, suffragate dagli accertamenti documentali, hanno permesso di ricostruire la vicenda relativa al possesso da parte del CASAMONICA del terreno su cui sorge la suddetta villa.

In particolare, CASAMONICA Guerrino si è avvalso della sorella Dora per non figurare direttamente quale titolare del terreno e degli immobili ivi posti nella sua completa disponibilità, con l’evidente finalità di scongiurare in futuro il sequestro dei beni.

Il tutto con il contributo offerto dagli indagati PAIELLA e PANITTERI che hanno curato tutti i profili amministrativi della pratica sia per raggiungere l’accordo con il comune di Frascati per la stipula dell’atto conciliativo per il passaggio di proprietà in favore di CASAMONICA Dora del terreno originariamente occupato abusivamente sia per il rilascio della concessione in sanatoria per gli immobili abusivi edificati sul predetto terreno.

L’operazione “Noi proteggiamo Roma” ha svelato l’esistenza di un’associazione a delinquere di stampo mafioso, quale è quella degli CASAMONICA, che ha provocato un profondo degrado sul territorio, consentendo il dilagare di reati gravissimi e lesivi di beni primari.

Un sodalizio che ha fondato la sua potenza sull’organizzazione a base prevalentemente familistica e sulla ripartizione delle competenze, consentendo al complesso dei soggetti chiamati a rispondere anche solo di reati satellite di gravitare in un’area di impunità, scaturente dalla forza evocativa e intimidatoria del nome CASAMONICA.

Gli odierni arresti intervengono per di più in una situazione di criticità economica delle aziende e delle famiglie causata dall’emergenza epidemiologica da covid-19, che sta determinando gravissimi effetti sul tessuto economico e produttivo dell’intero Paese.

In tale contesto di difficoltà e di estrema fragilità economica e sociale della cittadinanza, viene così scongiurato il pericolo del ricorso a forme illecite di finanziamento per il conseguimento di immediata liquidità e di conseguenza la reiterazione da parte degli indagati dei delitti contestati.

LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI

L’odierna operazione ha consentito altresì il sequestro di beni immobili, quote societarie, compendi aziendali, autoveicoli e rapporti finanziari, testimoniando la straordinaria azione congiunta della Procura capitolina e della Questura di Roma volta a contrastare la criminalità organizzata, ad aggredire i patrimoni illecitamente accumulati e a sottrarre le attività economiche al circuito criminale per essere restituite alla collettività in un percorso di legalità.

È stata infatti data esecuzione a un provvedimento di sequestro di beni ai fini della confisca emesso dal Tribunale di Roma – Sezione delle Misure di Prevenzione, su proposta congiunta del Procuratore della Repubblica di Roma e del Questore di Roma.

Gli specialisti della Divisione Polizia Anticrimine- Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali, partendo dall’attività di indagine che ha portato alle ordinanze di custodia cautelare oggi eseguite, hanno ricostruito la “carriera criminale” e analizzato la posizione economico-patrimoniale di 4 soggetti (unitamente a quelle dei rispettivi nuclei familiari) tutti di elevato spessore criminale e di spiccata pericolosità sociale.

I proposti, organici al clan mafioso “CASAMONICA”, articolazione territoriale operante nella zona Romanina-Anagnina-Morena, sono risultati coinvolti in organizzate ed estese attività usurarie e di esercizio abusivo del credito, con conseguenti condotte estorsive nonché, di intestazione fittizia di beni.

Tra questi, spiccano le posizioni di Giuseppe CASAMONICA (classe 1950) del figlio Guerrino (classe 1970), detto Pelè, e di Christian CASAMONICA (classe 1984), figlio di Ferruccio, tutti destinatari del provvedimento di sequestro in qualità di proposti.

L’altro destinatario è PACE Daniele, di anni 29, factotum di Christian CASAMONICA e pienamente inserito negli affari illeciti del clan mafioso.

All’esito delle approfondite indagini svolte dalla Divisione Anticrimine di Roma è stato accertato che le condotte criminali poste nel corso degli anni hanno consentito ai proposti di acquisire un’importante disponibilità economica reinvestita successivamente in immobili, aziende e attività commerciali che in parte, fittiziamente e dolosamente, hanno intestato anche a soggetti terzi.

È altresì emersa un’evidente sproporzione tra i redditi pressoché inesistenti dei soggetti ed il patrimonio accumulato.

Il Tribunale di Roma – Sezione Specializzata delle Misure di Prevenzione, accogliendo le risultanze investigative ha disposto il sequestro del seguente compendio patrimoniale, costituito dai beni riconducibili direttamente o tramite interposti fittizi, ai proposti, per un valore complessivo pari a circa € 20 milioni:

– 7 unità immobiliari site in Roma, tra cui le ville di Via Flavia Demetria 90 e Via Roccabernarda 8, il villino di Via Lunano 25 ed altri siti a Monterosi (VT) e San Cesareo (RM);

– quote di 5 società di capitali;

– quote di 1 società di persone;

– 1 ditta individuale;

– interi complessi aziendali di cui una stazione di servizio, sita in San Cesareo, e un bar tabacchi, ubicato a Montecompatri (RM);

–  1 contratto di concessione del godimento di un complesso immobiliare, con diritto di acquisto ai sensi del D.L. 12/9/2014 n. 133 (rent to buy)

– 140 rapporti finanziari con vari Istituti di credito.

Tra i beni immobili sequestratati si evidenzia la villa di via Roccabernarda 8, unico immobile nella roccaforte storica della famiglia CASAMONICA ancora in possesso del clan, situato nella adiacenze delle due ville di via Roccabernarda n. 15 e n.14/16, già confiscate nel 2009 a Giuseppe CASAMONICA, e destinate dalla Regione Lazio a parco pubblico denominato “Il parco della legalità” e a centro polivalente dell’Associazione nazionale Genitori Soggetti Autistici.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb