Uccide la moglie e il figlioletto e poi si suicida. Gravissima un’altra bimba

Dramma nella notte a Carignano (Torino), dove un uomo di 40 anni ha sterminato la famiglia. Prima di suicidarsi ha ucciso anche il cane. Sconosciuto il movente


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
La villetta dove è avvenuta la strage in Piemonte (Ansa)

Dramma nella notte a Carignano (Torino), dove un uomo di 40 anni ha ucciso la moglie e una delle figlie e poi si è tolto la vita. Superstita una delle figliolette, gemella del primo, che lotta tra la vita e la morte in ospedale.

Protagonista un operaio alla Cerealceretto, Alberto Accastello, che intorno alle 5 di stamane nella villetta ha sparato e ucciso con una pistola detenuta legalmente alla moglie Barbara Gargano, di 38 anni, e sui gemellini di due anni, Alessandro e Aurora Accastello. Prima di suicidarsi, l’uomo ha ucciso anche il cane.

I bambini sono stati trasportati all’ospedale Regina Margherita di Torino dove Alessandro è morto subito dopo l’arrivo. Ancora viva, ma sempre gravissima, Aurora.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri, la scientifica e il pm di turno. Sconosciuto il movente della strage, anche se una delle prima ipotesi sarebbe di tipo sentimentale. Da quanto scrivono alcuni media locali, la donna avrebbe espresso l’intenzione di separarsi. Prima di compiere la strage l’uomo ha telefonato al fratello per annunciargli ciò aveva in mente di fare.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM