“Mondo di mezzo”, sigilli a beni per 27 milioni a Buzzi, Carminati e ad altri imputati

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

Beni mobili e immobili per un valore di circa 27 euro sono stati confiscati dai finanzieri di Roma ad alcuni imputati coinvolti nel processo “Mondo di mezzo”, che vennero arrestati dai carabinieri del Ros nel dicembre di 6 anni fa.

Il provvedimento riguarda, in particolare, Massimo Carminati, Riccardo Brugia, Roberto Lacopo, Salvatore Buzzi, Agostino Gaglianone, Fabio Gaudenzi, Cristiano Guarnera e Giovanni De Carlo. Sigilli a società, terreni, appartamenti, veicoli e opere d’arte.

La confisca rappresenta l’epilogo delle indagini patrimoniali svolte nei confronti degli indagati e dei loro “prestanome”, delegate dalla Dda di Roma al nucleo di Polizia Economico-Finanziaria. E gli specialisti del G.I.C.O. hanno ricostruito il “curriculum criminale” degli indagati, accertando la sussistenza dei requisiti di “pericolosità sociale” e della rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati e i patrimoni accumulati nel tempo.

Questo procedimento, avviato dalla sezione ‘misure di prevenzione’ del tribunale, ha viaggiato in parallelo rispetto all’iter giudiziario ordinario. Alla fine, la Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi delle parti e ha reso definitiva la confisca di 4 società che operano nei settori immobiliare e del commercio di prodotti petroliferi; 13 unità immobiliari e un terreno tra Roma e provincia; 13 automezzi; 69 opere d’arte di importanti esponenti della seconda metà del XX secolo.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB