Omicidio Niccolò Ciatti, arrestato in Francia uno dei responsabili

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Niccolò Ciatti
Niccolò Ciatti

La Polizia francese, su attivazione dei Carabinieri del ROS, con il supporto del Servizio di cooperazione internazionale di polizia, hanno rintracciato e arrestato a Strasburgo, in esecuzione di mandato d’arresto europeo, un cittadino ceceno ritenuto responsabile del pestaggio che, il 12 agosto 2017, provocò la morte del giovane Niccolò Ciatti in una discoteca di Lloret de Mar (Spagna).

Il mandato di arresto europeo – emesso sulla base di una ordinanza di custodia cautelare in carcere del Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura della Repubblica – è stato spiccato anche nei confronti di un secondo ceceno già ristretto in Spagna per l’omicidio del connazionale in quanto colpito da provvedimento restrittivo delle locali autorità. In Spagna pende un procedimento penale parallelo per l’omicidio di Niccolò Ciatti.

L’importante risultato scaturisce da una complessa attività d’indagine condotta dal Reparto Crimini Violenti del ROS, unità specializzata nella risoluzione di crimini particolarmente efferati commessi anche all’estero in danno di connazionali e coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma.

Le investigazioni, svolte in costante raccordo con i colleghi spagnoli, hanno consentito di acquisire solidi elementi identificativi degli autori del delitto e ricostruire appieno la dinamica dell’evento. Sono state avviate le procedure di estradizione.

Allora 22enne, Niccolò Ciatti, originario di Scandicci, alle porte di Firenze, era morto in ospedale in Spagna dopo essere stato brutalmente picchiato dal branco in un club nella località turistica di Lloret de Mar, in Costa Brava, dove il giovane era in vacanza.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM