12 Agosto 2022

Frosinone, scontro frontale la vigilia di Pasqua, è strage: 4 morti

Il grave incidente è avvenuto nella serata di ieri sulla Casilina, nel frusinate. Le vittime, di cui tre giovanissime, erano della provincia di Caserta. Uno dei ragazzi era collegato in diretta social. Strazio tra i parenti

Stessa categoria

La scena dell’incidente stradale (Ansa)

E’ di quattro morti il bilancio di un grave incidente stradale tra due auto avvenuto nella serata di ieri, vigilia di Pasqua, a San Vittore (Frosinone), al confine tra Lazio e Campania, lungo la Casilina: le vittime sono tre giovanissimi di Mignano Monte Lungo, in provincia di Caserta, e un 52enne.

Nell’impatto frontale tra le due auto sono morte sul colpo tre giovani che erano a bordo di una Mito rossa. La quarta vittima, a bordo di una Fiat Idea, trasportata in ospedale in gravissime condizioni, ha poi perso la vita poco dopo. I carabinieri della compagnia di Cassino stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente.

Le vittime, secondo quanto riporta Frosinone today, sono Carlo Romanelli, 19 anni da compiere a luglio; Matteo Simone, 19 anni e Luigi Franzese, 20 anni. L’ultima vittima è il conducente dell’Idea, Claudio Amato, 52 anni residente a Campo Zillone, frazione di Mignano Montelungo.

Lo scontro frontale tra le due auto è avvenuto poco dopo le 20.30 nei pressi di una semicurva della regionale Casilina, in territorio di San Vittore ma in direzione San Pietro Infine. All’improvviso un forte boato ha scosso la quiete della serata.

“Abbiamo sentito un boato e poi solo il rumore di un motore impazzito – ha raccontato uno dei primi soccorritori che vive in zona -. Davanti gli occhi una scena che difficilmente potrò dimenticare: le auto distrutte e quei poveretti senza vita. Abbiamo chiamato i soccorsi ma ci siano resi conto che per loro non c’era nulla da fare”.

La morte in diretta social
Stando a quanto riporta il quotidiano online, una delle vittime, Luigi Franzese, era in diretta sulla sua pagina Instagram quando è avvenuto lo scontro e molti amici hanno assistito inermi alla tragedia. Per questo motivo i familiari dei ragazzi sono arrivati sul posto ancor prima che i soccorsi potessero evitare l’accesso all’area. Scene di pura disperazione con grida strazianti e lacrime che hanno scosso tutti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER