Spionaggio, ministro Guerini: “Biot non aveva accesso ad operazioni”

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Walter Biot, il militare arrestato con l’accusa di spionaggio

Sulla vicenda di Walter Biot “c’è il segreto istruttorio e finché la procura non ci consentirà di accedere agli atti non potremo prenderne visione”, ha detto il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini alle commissioni Difesa di Camera e Senato sul caso di spionaggio e la vendita di documenti riservati e classificati di Biot ad un militare russo in forza all’ambasciata della Russia in Italia.

“L’ufficiale – spiega Guerini – era titolare di un incarico che lo autorizzava a visionare materiale classificato ma le sue mansioni, che non prevedevano attività di comando o di direzione, lo portavano ad avere accesso a documenti di valutazione e policy e non alla gestione delle operazioni o al dettaglio delle capacità nazionali e Nato”.

“Mi sembrava giusto – prosegue il titolare della Difesa – circoscrivere l’attività dell’ufficiale rispetto all’ufficio di cui era responsabile. Stigmatizzo in maniera decisa quanto avvenuto: non sta a me anticipare valutazioni in ordine ad altre istituzioni, dei suoi comportamenti ne risponderà di fronte alla legge; vorrei però dire che i valori e le esperienze delle nostre forze armate sono altro rispetto a quanto evidenziato in questa bruttissima vicenda”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM