30 Novembre 2022

Tragedia in Puglia, precipita un elicottero: 7 morti, nessun superstite

Il velivolo era partito dalle Isole Tremiti destinazione Foggia con a bordo una famiglia di sloveni in vacanza, un medico del 118 e due piloti. Ignote le cause della caduta

Correlati

Tragedia nei cieli del sud Italia. Un elicottero, per cause ancora tutte da chiarire è precipitato in Puglia. Dalle prime notizie si ritiene che non ci sia alcun superstite tra le 7 persone a bordo.

Il velivolo, partito dalle isole Tremiti per Foggia, è stato ritrovato schiantato al suolo tra San Severo ed Apricena, ha reso noto il vicepresidente della Regione Puglia Raffaele Piemontese.

Le sette persone a bordo sarebbero tutte decedute. La zona del ritrovamento è in un’area rurale di Castelpagano di Apricena. L’elicottero aveva percorso circa 40 km in linea d’aria dalle Tremiti prima di schiantarsi. A Foggia mancavano una trentina di chilometri. Al momento non si conoscono i motivi della caduta.

A bordo dell’elicottero precipitato c’era una famiglia di turisti sloveni, con una figlia tredicenne. In tutto 4 persone. La famiglia, di Lubiana, era arrivata ieri alle Tremiti e sarebbe dovuta rientrare a Foggia già nella serata di ieri ma a causa delle cattive condizioni del tempo il viaggio era stato rinviato ad oggi.

A bordo c’era anche il medico del 118 Maurizio De Girolamo, di 64 anni, che stava rientrando a casa dopo il turno di lavoro alle Tremiti, nonché i piloti Luigi Ippolito e Andrea Nardelli.

Questi i nomi di turisti sloveni: Bostjan Rigler, di 54 anni; Jon Rigler di 44; MatejaCurk Rigler, di 44; e la piccola Liza Rigler, di 13 anni. Boštjan Rigler, era direttore tecnico della principale Tv commerciale slovena, Pro Plus srl, che ha due canali Pop Tv ed Kanal A. La famiglia Rigler stava trascorrendo le vacanze in Puglia.

“Il medico aveva appena terminato il turno di lavoro e per tornare a casa ha deciso di prendere l’elicottero anziché la nave per le condizioni meteo marine avverse. Qui da noi si è abbattuta una fitta nebbia” – ha detto il sindaco dell’arcipelago a largo del Gargano Peppino Calabrese. La nostra comunità è sotto choc. Non era mai successo prima una cosa del genere in 30 anni di servizio”, ha concluso il sindaco.

Fnomceo: sacrificio di un medico, carenze nel Ssn
“Ancora una morte sul lavoro, questa volta di un collega del 118 che tornava a casa a fine turno. Siamo vicini alla famiglia del dottor Maurizio De Girolamo, che, vittima di questa tragedia così assurda, ha pagato con la vita la sua abnegazione”. Così il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri, Filippo Anelli.

“Il nostro collega – continua Anelli – ha sacrificato la sua vita per portare l’assistenza del Servizio sanitario nazionale sin nelle piccole isole, luoghi di frontiera dove è più difficile assicurare prestazioni sanitarie. A lui rendiamo onore, e dedichiamo il nostro impegno perché i medici non debbano mai più pagare con la vita le carenze organizzative, di organico, di sistema”.

Balzanelli (118): dopo la morte del collega nuove norme sulla sicurezza 
“Subiamo, ancora una volta, la drammatica perdita di un collega. Una tragica morte in itinere. Maurizio smontava dal turno di notte e rientrava a casa, insieme con una famiglia e con il pilota. Il dolore per questa ennesima gravissima perdita di un medico del 118, strettamente correlata alle dinamiche del servizio, porti ad intensificare con massima urgenza – a livello normativo nazionale – i parametri autorizzativi di sicurezza per il trasporto di operatori sanitari e di passeggeri a bordo di elicottero. Alle famiglie di Maurizio e delle vittime il cordoglio della Società Italiana Sistema 118”: a dirlo è Mario Balzanelli, presidente nazionale SIS118 (la Società italiana del sistema 118) dopo l’incidente dell’elicottero che ha visto fra le vittime un medico.

Il presidente della Regione, Michele Emiliano, ha deciso di rientrare in Puglia da Roma, dove stava partecipando al corteo per la pace, dopo aver appreso della tragedia nel Foggiano, dove è precipitato l’elicottero. “Dal momento della scomparsa del velivolo Emiliano è rimasto in costante contatto con il prefetto di Foggia, Maurizio Valiante, e con il vice presidente della Regione, Raffaele Piemontese, per seguire le operazioni di ricerca. Appena appresa la notizia del ritrovamento Emiliano ha lasciato il corteo per rientrare in Puglia, a Foggia”, ha comunicato la Regione.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Falso in bilancio, si dimette l’intero Cda della Juventus

Dopo dodici anni lascia anche il presidente Andrea Agnelli. Gianluca Ferrero sarà il nuovo presidente. Alla base della decisione il coinvolgimento nell'indagine Prisma per falso in bilancio e dalle contestazioni della Consob

DALLA CALABRIA

Caso Bergamini, Padovano svela: “Denis ricevette una telefonata che lo stranì”

"Quel sabato mattina era normale, nel pomeriggio ricevette una telefonata che lo stranì ma non conosco il contenuto della...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER