5 Febbraio 2023

Messina Denaro, trovata l’auto del capomafia

La Giulietta nera era nascosta nel garage del figlio di Giovanni Luppino, l'agricoltore che lo accompagnò in clinica. L'avrebbe comprata direttamente il boss in persona

Correlati

E’ stata rinvenuta l’auto del capomafia Matteo Messina Denaro. Era Campobello di Mazara, paese in cui il boss ha trascorso almeno l’ultimo anno di latitanza. La Giulietta nera era in un garage del figlio di Giovanni Luppino, l’incensurato imprenditore agricolo che ha accompagnato l’ex latitante di Castelvetrano alla casa di cura ed è stato arrestato con lui.

Agli inquirenti Luppino avrebbe detto di non aver saputo, fino al giorno del blitz, chi fosse il suo “passeggero” che, prima di allora, aveva visto solo una volta alcuni mesi fa. “Mi era stato presentato come Francesco e domenica sera mi ha chiesto di accompagnarlo dicendomi che doveva fare delle cure per il cancro”, si è difeso.

Una ricostruzione che i pm ritengono totalmente falsa che mal si concilia con la presenza della macchina nel garage del figlio di Luppino, ma non solo. Alcune fonti dicono che prima di essere arrestati l’autista e il boss si sarebbero abbracciati.

Inoltre, tra i pizzini sequestrati all’agricoltore è spuntato uno con scritto “guarnizione di sportello lato guida di Giulietta 1.6 ultima serie”. Un promemoria di acquisto di un pezzo per auto, guarda caso la stessa di Messina Denaro ritrovata oggi.

La Giulietta è stata perquisita dalla polizia su disposizione del procuratore aggiunto Paolo Guido. All’interno non sarebbero stati trovati documenti o materiale rilevante, né sarebbe stato trovato un Gps utile a ricostruire gli spostamenti del capomafia.

Secondo gli investigatori, però, la macchina sarebbe stata acquistata dal capomafia in persona. Messina Denaro, a gennaio del 2022, sarebbe andato in una concessionaria di Palermo avrebbe dato in permuta una Fiat 500 e avrebbe pagato 10mila euro in contanti per acquistare la Giulietta.

Sia il contratto di acquisto che la permuta sono intestate ad una anziana disabile di 87 anni madre di Andrea Bonafede, il geometra di Campobello che avrebbe prestato l’identità al boss almeno dal 2020, data del primo intervento chirurgico al quale il capomafia si è sottoposto all’ospedale di Campobello di Mazara.

Non è stato confermato, invece, che nella casa siano stati trovati elementi che provino viaggi all’estero del capomafia. Al vaglio degli inquirenti anche i cellulari sequestrati: due di Messina Denaro e due di Luppino che, come ha notato il gip nell’ordinanza con la quale ha disposto il carcere per l’autista, teneva i due apparecchi in modalità aereo la mattina dell’arresto.

Uno dei telefonini del capomafia, intestato a Bonafede, è stato “seguito” dagli investigatori la mattina del blitz. Le celle agganciate hanno confermato i sospetti dei carabinieri sui movimenti di Messina Denaro, alias Bonafede, che da Campobello di Mazara viaggiava verso Palermo. Nella libreria del covo del capomafia, infine, oltre a libri di storia e filosofia, sono state trovate due biografie: una di Vladimir Putin, l’altra di Hitler.

Intanto, proseguono le indagini sulla rete dei fiancheggiatori del boss. Un lavoro lungo e difficile quello dei carabinieri del Ros da cui potrebbero venir fuori nomi di complici e favoreggiatori. Si indaga non solo sui gregari mafiosi, ma soprattutto sui colletti bianchi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Qatargate: Cozzolino avrebbe preso soldi. Revocata immunità per lui e Tarabella

I pubblici ministeri federali belgi sospettano l'eurodeputato italiano Andrea Cozzolino (PD) di aver preso denaro in cambio del blocco...

DALLA CALABRIA

Frontale nella Galleria della “Crocetta”, sulla Paola-Crotone. 3 feriti di cui uno grave

Un brutto incidente stradale è avvenuto nel pomeriggio all'interno della Galleria della "Crocetta", sulla statale 107 Paola-Crotone. Ad esse...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER