7 Dicembre 2021

Recuperato in Romania l’oro rubato alla Cattedrale di Vallo della Lucania

Stessa categoria

monili oro
Archivio

Nei giorni scorsi, nel prosieguo di una complessa e articolata attività investigativa condotta dai Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania e del Nucleo Investigativo di Salerno, in stretta collaborazione con le Autorità rumene, sono stati riportati in Italia i monili in oro donati nel tempo dai fedeli “ex voto”, che erano stati trafugati nella notte del 1° febbraio scorso all’interno della Cattedrale di San Pantaleone in Vallo della Lucania.

Già il 21 febbraio scorso, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, in collaborazione con la Polizia Romena, avevano eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere (con relativo mandato di arresto europeo) – emessa dal GIP del Tribunale di Vallo della Lucania, su richiesta della locale Procura – nei confronti di 5 cittadini rumeni (2 arrestati in Italia e 3 in Romania), ritenuti gli autori del furto. Nelle settimane successive, erano stati arrestati anche altri tre 3 complici, rintracciati in territorio rumeno e poi trasferiti in Italia unitamente agli altri indagati.

In particolare, l’attività investigativa, svolta attraverso metodi tradizionali supportati da attività tecniche e mirati servizi dinamici, aveva consentito di ricostruire la dinamica dell’evento e individuare tre autovetture in uso agli autori del furto, attraverso l’esame dei filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza.

Individuare gli indagati quali autori del furto e accertare la presenza degli stessi sul luogo del delitto, attraverso l’analisi dei dati relativi al traffico telefonico rilevato nella suddetta località, nonché il loro successivo repentino trasferimento in territorio romeno.

Rintracciati in Romania i destinatari delle misure cautelari, due dei quali avevano successivamente fatto rientro nel territorio italiano nonché documentare un tentativo di ricettazione della refurtiva in territorio romeno e sequestrare tre anelli in oro (provento del furto) nella disponibilità di uno degli arrestati.

Anche dopo gli arresti dei presunti autori del furto, le indagini sono proseguite, in stretta collaborazione con il collaterale organo di polizia rumena, consentendo il recupero in territorio rumeno della refurtiva, che, a seguito di rogatoria internazionale all’Autorità Giudiziaria romena, è stata riportata in Italia.

Il prossimo 25 luglio, alle ore 19.00, l’oro recuperato sarà formalmente riconsegnato alla comunità dei fedeli durante la Santa Messa vespertina che sarà celebrata dal Vescovo Mons. Ciro Miniero a conclusione della Novena di preparazione alla festa del Santo Patrono del 27 luglio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER