24 Settembre 2022

Addio al regista Luca De Filippo, figlio del grande Edoardo

Correlati

L'attore e regista scomparso Luca de Filippo
L’attore e regista scomparso Luca de Filippo
(Ansa/Fusco)

E’ morto all’età di 67 anni, l’attore e regista teatrale Luca De Filippo, figlio del grande Eduardo. Nato a Roma il 3 giugno 1948, l’artista si era era sposato nel 2013 con Carolina Rosi, figlia del regista Francesco.

Luca De Filippo era malato da tempo e fino a pochi giorni fa era ancora in turnee con una delle celebri commedie del padre: “Non ti pago”. Luca De Filippo mise piede per la prima volta in un palcoscenico a soli 7 anni, nel 1955, nel ruolo di Peppeniello in “Miseria e nobilita”, diretto dal padre.

“Faccio parte di una famiglia che fa teatro da tre generazioni”, raccontava con orgoglio in un’intervista in tv, nella quale parlava del mestiere dell’attore, “un mestiere duro, molto selettivo”. Con il padre Edoardo aveva una fortissima somiglianza.

Sempre al fianco del padre in quasi tutte le sue maggiori opere teatrali, da “Filumena Marturano”, a “Natale in casa Cupiello”, a “Berretto a Sonagli”, aveva raccolto il testimone di Eduardo alla sua morte nel 1984. Una “eredita” pesante da sopportare sulle spalle che lo ha portato a volersi migliorare sempre più, confrontandosi con la sua compagnia teatrale anche con altri maestri, come Moliere, Beckett e Pirandello.

Numerose le sue apparizioni cinematografiche e in tv: è stato tra gli interpreti di “Giovani Tigri” e della serie tv “Quel negozio di piazza Navona”. Sempre per la tv ha lavorato in “Petrosenella”, “Le scene di Napoli” e la serie “Naso di Cane”, con Claudia Cardinale.

Nel film del 1990 “Sabato, domenica e lunedì”, con la regia di Lina Wertmuller, ha recitato accanto a Sophia Loren. Con la sua compagnia teatrale, fondata nel 1980, ha diretto “Uomo e galantuomo”, “Non ti pago”, “Il Contratto”, “Penziere mieje” e “Ditegli sempre di sì”. L’attore e regista ha realizzato anche un’opera di Pasquale Altavilla “A fortuna e Pulicinella”, il “Don Giovanni di Moliere” e, nel 1990, ha diretto Umberto Orsini ne “Il piacere dell’Onesta” di Pirandello.

Da qualche mese aveva accettato la direzione della Scuola di recitazione del Teatro Stabile di Napoli. Grande commozione per la sua scomparsa in tutto il mondo cinematografico e teatrale italiano, nonché europeo, dove De Filippo era molto apprezzato.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Russia-Ucraina, Putin mobilita l’esercito: “L’Occidente ha superato i limiti di aggressione”

Spirano venti di guerra globale. Chiamati 300mila riservisti. Il presidente della federazione russa avverte: "L'Occidente ha deciso per la minaccia nucleare contro di noi. Io dico all'Occidente (e alla NATO): "Abbiamo parecchie armi per rispondere. Non è un bluff". Intanto è stato indetto un Referendum per l'indipendenza del Donbass

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER