23 Febbraio 2024

Centrale del Latte d’Italia, via alla fusione dal Cda torinese

Correlati

Centrale del Latte d'Italia, via alla fusione TORINO – La Centrale del Latte d’Italia è più vicina: il progetto di fusione per incorporazione delle Centrali del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno nella Centrale di Torino ha avuto oggi il via libera dagli azionisti dell’azienda torinese.

La nuova società sarà quotata al segmento Star di Borsa Italiana con inizio della negoziazione delle azioni entro il 30 settembre. Con questa operazione nasce il terzo polo lattiero caseario italiano, con un fatturato di circa 200 milioni di euro, cinque stabilimenti produttivi e 430 dipendenti.

Il rapporto di concambio è di una nuova azione ordinaria Centrale del Latte d’Italia ogni 6,1965 ordinarie Centrale del Latte Firenze. Non sono previsti conguagli in denaro. (Ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Operazione antimafia della Dda di Catanzaro, 22 arresti

Un'operazione contro la 'ndrangheta è stata eseguita la scorsa notte nel Catanzarese. I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)