30 Giugno 2022

DL fiscale, milioni alle Coop per i migranti e riscossione più aggressiva

Stessa categoria

DL fiscale, milioni alle Coop per i migranti e riscossione più aggressiva
Il decreto fiscale prevede 500 euro al mese per ogni richiedente asilo

Una valanga di quattrini, 600 milioni, destinati alle Coop che gestiscono i migranti. Lo prevede il decreto legge “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili” – collegato alla manovra di bilancio – firmato oggi dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

SOLDI ALLE COOP CHE GESTISCONO I MIGRANTI – Si tratta di soldi destinati all’accoglienza – ossia a istituti e cooperative – degli immigrati: per l’attivazione,  la locazione, la gestione dei centri di trattenimento e di accoglienza per i migranti.

In più, sempre denaro destinato all’accoglienza, altri 100 milioni sono destinati ai comuni. “Quale concorso – è scritto nel decreto fiscale – dello Stato agli oneri che sostengono i Comuni che accolgono richiedenti protezione internazionale è autorizzata la spesa di 100 milioni di euro per l’anno 2016. Per questo, nello stato di previsione del Ministero dell’interno, è istituito un apposito Fondo iscritto nella missione “Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti”, programma “Flussi migratori, interventi per lo sviluppo della coesione sociale, garanzia dei diritti, rapporti con le confessioni religiose”.

500 EURO AL MESE PER OGNI MIGRANTE RICHIEDENTE ASILO – Con un decreto successivo ad hoc del ministero dell’Interno si definiranno le modalità di riparto delle risorse per un massimo di 500 euro (mensili) a immigrato richiedente asilo.

EQUITALIA CAMBIA NOME E SARA’ PIU’ AGGRESSIVA – Dal primo Luglio 2017 scompare Equitalia per far posto all'”Agenzia Entrate Riscossione”, un ente pubblico economico di nuova costituzione che assorbirà tutto il personale, e opererà sotto il coordinamento e gli indirizzi del Ministero dell’Economia. Il presidente del nuovo istituto sarà il direttore dell’Agenzia delle Entrate. La rottamazione – si legge nella relazione tecnica – congiuntamente all’effetto degli interventi di potenziamento della riscossione, porterà un gettito erariale di 3,7 miliardi di euro nel triennio 2017-2019. La “definizione agevolata” garantirà nel solo 2017 un gettito da due miliardi.

LE MULTE RESTERANNO – Nel decreto si legge che le cartelle esistenti per le multe elevate per infrazioni al Codice della strada non saranno rottamate, ma saranno eliminati i soli interessi maturati. Resteranno le maggiorazioni per i ritardati pagamenti.

OPPOSIZIONI CRITICHE – Il provvedimento del governo, che ha efficacia, deve essere convertito in legge entro sessanta giorni, nel frattempo passa al vaglio del Parlamento. Molto critiche le opposizioni che ritengono, come Matteo Salvini che questa sia una presa in giro.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER