16 Aprile 2024

Dopo il crac della SVB, l’Occidente crolla, mentre la Russia cresce nonostante le sanzioni

Usa e Ue sembrano i migliori alleati della Russia, a osservare alcuni fattori. Le sanzioni a Mosca erano state strombazzate per un "successo" volto "a piegare l'economia russa". Nulla di tutto ciò è accaduto. Incredibile, ma l'hanno di fatto rafforzata. Con il fallimento della Silicon Valley Bank vanno in fumo i sogni dell'economia green e del contrasto al presunto cambiamento climatico. "Lasciateli fare, si fanno male da soli..."

Correlati

L’Occidente (Usa e Ue) sembrano i migliori alleati della Russia, a osservare alcuni fattori. Le sanzioni di Stati Uniti e Bruxelles a Mosca dopo la guerra in Ucraina e prima ancora con l’annessione della Crimea, strombazzati per un “successo” volto “a piegare l’economia russa, l’hanno di fatto rafforzata.

Il Pil della Federazione cresce notevolmente e gli scambi commerciali trovano sponda nei paesi asiatici, nonostante l’embargo suicida per i paesi dell’Unione che non possono esportare i loro prodotti a Mosca, con pertite miliardarie in termini di mancate esportazioni.

Negli Stati Uniti invece si registra paradossalmente un brusco crollo in seguito al fallimento di due importanti banche: la Silicon Valley Bank e all’indomani, la Signature Bank, grossa banca newyorchese.

La SVB, è tra le prime banche Usa con piccoli e grandi risparmiatori, e un azionariato composto anche da quote detenute da società straniere. Una banca fondata a Santa Clara (California) nel 1983, con un capitale stimato in oltre 210 miliardi di dollari che si è volatilizzato nel nulla nel giro di qualche giorno.

La banca della Silicon Valley sosteneva le start-up tecnologiche che partorivano progetti sull’economia green e per contrastare il presunto cambiamento climatico. Un doppio fallimento, nel senso che questi due segmenti rappresentano (o rappresentavano?) i pilastri della nuova economia immaginata da certe èlite occidentali. Sogni andati in fumo, così come andrà in frantumi la folle idea Ue di far circolare solo auto elettriche dal 2035.

A pensarci, si tratta di un paradosso incredibile, eppure sta succedendo proprio questo. In molti temono il contagio come il caso Lehman Brothers del 2008. Non sta ancora accadendo, ma i riflessi negativi si stanno facendo sentire nelle Borse che giorno dopo giorno lasciano sul “terreno” centinaia di miliardi di dollari. Solo in Italia, Piazza Affari ha ceduto oggi il 4%. In tutta la Ue “bruciati” quasi trecento miliardi.

L’Occidente risente gli effetti di questi fallimenti che sono conseguenza delle sua folli politiche economiche, mentre la Russia cresce tranquilla e va avanti per la sua concezione multipolare. Quindi, tornando all’incipit sembra che la Russia trovi negli Usa e nell’Ue i suoi partner più “affidabili”, detto con un filo di ironia. Come dire: “Che facciano da soli, con le sanzioni unilaterali verso i paesi sgraditi. Tanto si fanno male da soli…”. E’ quello che sta accadendo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)