29 Giugno 2022

Incidente a centrale nucleare in Ucraina. Paura come a Černobyl'

Stessa categoria

La centrale nucleare di Zaporizhye in Ucraina dove è avvenuto l'incidente
La centrale nucleare di Zaporizhye in Ucraina dove è avvenuto l’incidente

Momenti di forte preoccupazione in Ucraina per un incidente nucleare. Il premier ucraino, Arseny Yatseniuk ha reso noto che c’è stato un incidente alla centrale nucleare di Zaporizhye, nel sud-est del Paese, ma il ministro dell’Energia, Volodymyr Demchyshyn, ha assicurato che l’accaduto non comporterebbe “rischi visto che non sono rimasti coinvolti i reattori dell’impianto”.

Il primo ministro ucraino Arseny Yatseniuk (Reuters/ Ogirenko)
Il primo ministro ucraino Arseny Yatseniuk (Reuters/ Ogirenko)

“Non c’e’ alcuna minaccia, non ci sono problemi con i reattori”, ha spiegato Demchyshyn in una conferenza stampa convocata frettolosamente, perché secondo le autorità riguarderebbe il solo sistema di perdita dell’energia elettrica prodotta e non l’impianto stesso.

L’agenzia di stampa Interfax Ucraina scrive che il problema è avvenuto al blocco numero 3 – un reattore da 1.000 megawatt – e che la risultante mancanza di produzione, ha peggiorato la crisi energetica nel paese. Interfax aggiunge che il blocco dovrebbe rientrare in funzione il 5 dicembre.

L'impiano nucleare di Chernobyl
L’impiano nucleare di Černobyl’ a Nord dell’Ucraina dove nel 1986 si verificò il più grave incidente della storia

L’Ucraina in questo momento registra una scarsità di energia elettrica che l’incidente rischia di aggravare. Ma il ministro dell’Energia ha garantito che l’impianto tornerà a lavorare in brevissimo tempo. Intanto a Vienna, l’agenzia internazionale per l’energia atomica – a cui ogni nazione deve rendere noto un incidente nucleare che coinvolga altri Paesi- ha fatto sapere di non aver ricevuto alcuna notifica.

L’incidente ha fatto tornare alla memoria l’incidente nucleare di Černobyl’, nell’Ucraina settentrionale, avvenuto nell’aprile del 1986. L’incidente nucleare provocò migliaia di morti, oltre a mettere in ginocchio l’intera economia europea. Le autorità dell’allora Urss in primo momento minimizzarono, ma data la gravità dell’evento annunciarono la catastrofe nucleare al mondo con molti giorni di ritardo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER