29 Giugno 2022

Elezioni Tunisia, vince "l'anti Isis" Essebsi tra tensioni e lo spettro terroristico

Stessa categoria

Elezioni in TunisiaIl candidato del partito laico Nidaa Tunes, Baji Caid Essebsi, ha vinto le elezioni presidenziali in Tunisia. Lo ha annunciato la commissione elettorale nel corso di una conferenza stampa. Essebsi ha ottenuto il 55,7% battendo al ballottaggio il suo rivale, il presidente uscente Moncef Marzouki. L’affluenza è stata del 60,1%.

Lo sfidante aveva contestato i risultati. Il presidente uscente Marzouki, alla notizia della possibile vittoria di Essebsi, non aveva ammesso la sconfitta. Il candidato laico e anti Isis, poco dopo la chiusura delle urne, aveva annunciato la vittoria, scatenando la gioia dei suoi sostenitori che hanno invaso le vie delle principali città del paese.

“Dedico la mia vittoria ai martiri della Tunisia”, ha affermato Essebsi, riferendosi alle vittime della “rivoluzione dei gelsomini”, che alla fine del 2010 ha fatto crollare il regime dell’ex presidente Zine El Abidine Ben Ali. “Ringrazio Marzouki – ha aggiunto il candidato di Nidaa Tounes, in un discorso alla tv – Ora dobbiamo lavorare uniti senza escludere nessuno”.

Le dichiarazioni di Essebsi, tuttavia, avevano trovato l’opposizione del presidente uscente, che ha spiegato di attendere i risultati ufficiali. “Oggi ha vinto la Tunisia, ha vinto la democrazia, dobbiamo restare uniti – aveva affermato Marzouki, rivolgendosi ai suoi sostenitori nella sede del suo comitato elettorale. “Nonostante le affermazioni del nostro avversario, tutti i segnali sono per noi positivi, guardiamo avanti”, aveva aggiunto. Successivamente Marzouki aveva rincarato la dose, sostenendo che le dichiarazioni di Essebsi non erano state “democratiche”.

La vigilia delle elezioni, secondo l’agenzia Fides, è stata caratterizzata da tensioni tra i due schieramenti, mentre alla vigilia del ballottaggio alcuni jihadisti tunisini legati allo Stato Islamico in Siria e Iraq avevano rivendicato gli omicidi di due oppositori degli islamisti avvenuti nel 2013. Si tratta di Chokri Belaid e Mohamed Brami.

Il Presidente eletto avrà dunque un ruolo decisivo nel futuro politico della Tunisia, dove l’ultima tornata elettorale ha visto la formazione di un Parlamento caratterizzato da un forte bipolarismo con i due partiti maggiori, Nidaa Tounes (86 seggi su 217) e l’islamico Ennhadha (69 seggi) costretti ad una difficile alleanza per poter governare. Il nuovo Capo della Stato dovrà indicare il premier per la formazione del nuovo governo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER