Lo Stato islamico recluta prostitute in Marocco per i suoi miliziani

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb
L'is recluta prostitute in Marocco
Miliziani dell’Isis

Lo Stato Islamico (Is) avrebbe reclutato tra le 200 e le 500 prostitute in Marocco per il “jihad del sesso” con i suoi miliziani. Lo ha denunciato il direttore del Centro marocchino di Studi strategici, Mohamed Benhamou, spiegando che l’Is sta dando soldi alle prostitute per convincerle a un “sincero pentimento”, dopo il quale è possibile celebrare “matrimoni del jihad” tra loro e miliziani in Iraq e in Siria.

Lo studioso di Rabat ha inoltre detto che “lo Stato islamico ha iniziato lo sfruttamento della prostituzione marocchina attraverso intermediari in Turchia”. Le donne vengono “rapite e vendute all’organizzazione in Siria e Iraq dove sono costrette a fare quello che viene chiamato il matrimonio del jihad”.

Benhamou ha quindi affermato che l’Is tenta le prostitute con soldi e stipendi mensili, ma anche con pressioni psicologiche sostenendo che sposare i jihadisti è un’occasione per pentirsi ed espiare le colpe dei rapporti sessuali a pagamento avuti in passato.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb