27 Febbraio 2024

Al Jazeera: "30 persone bruciate vive trovate ad Anbar, Iraq"

Correlati

Al Jazeera : 30 bruciati in IraqSecondo Al Jazeera i jihadisti avrebbero bruciato vive oltre 30 persone ad al-Baghdadi, nella provincia di Anbar, dove i miliziani islamici sono all’offensiva.

Fonti dell’emittente araba hanno riferito che martedì i resti carbonizzati di trenta persone sono stati rinvenuti nella città di al-Baghdadi, a circa 85 km a nord ovest di Ramadi. Nell’area – sequestrata dai terroristi -, l’ISIL (Stato Islamico dell’Iraq e del Levante) è da giorni impegnata in violenti combattimenti.

L’organizzazione irachena ha catturato molte persone ad al-Baghdadi e ha minacciato i soldati statunitensi di stanza in una base aerea vicino. Si tratta di circa 320 marines americani che stanno addestrando i membri della 7a divisione irachena presso la base aerea di Ain al-Asad, a 5 km a sud ovest di al-Baghdadi.

La maggior parte delle città della regione sono cadute nelle mani dell’ISIL la scorsa estate dopo che i miliziani sono avanzati rapidamente attraverso il confine con la Siria.

La provincia di Anbar, che confina con la Siria, è stata una roccaforte importante per l’ISIL e continua ad essere in gran parte controllato dai terroristi.

Al Jazeera : 30 bruciati in Iraq
L’area irachena in mano allo Stato Islamico

Lo stato islamico dell’Iraq e del Levante controlla ampi territori in Iraq e Siria, e nel giugno dello scorso anno ha annunciato l’istituzione di un “califfato” a cavallo tra i due paesi.

Califfato che ha raggiunto anche i paesi del Maghreb. Ultima la Libia dove l’Isis ha conquistato diverse città tra cui Sirte dalla quale l’Isis ha lanciato durissime minacce all’Italia e all’Europa: “Vi distruggeremo”, hanno detto i miliziani mentre sgozzavano trenta egiziani.

Un orrore che ha visto l’immediata reazione dell’Egitto con numerosi raid aerei che hanno provocato morti e feriti. La contro offensiva dell’Isis non si è fatta attendere, col rapimento di altri 35 egiziani che il mondo spera non abbiano la stessa sorte dei loro confratelli trucidati due giorni fa dai soldati di Allah.

In una intercettazione, i miliziani avrebbero fatto trapelare la volontà di usare gli sbarchi migratori come “arma” per destabilizzare l’Italia. Un “Cavallo di Troia” che si rivelerebbe fatale per un Europa dove già vivono milioni di musulmani pacifici, ma che al richiamo della “Guerra Santa” invocata dai “fratelli musulmani” dell’Is, magari costretti sotto la minaccia delle armi, sarebbero un prezioso esercito accanto a chi vuole erigere la “bandiera nera” nelle città dell’Ue.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)