1 Ottobre 2022

Bce, contestato Mario Draghi da una ragazza "Blockupy". Coriandoli al "Dicktator"

Correlati

Una sequenza della contestazione a Draghi (Ansa)
Una sequenza della contestazione a Draghi (Ansa)

Ha continuato i suoi lavori come niente fosse, ma Mario Draghi si è spaventato non poco dopo che una ragazza appartenente al movimento Blockupy gli è saltata come un grillo sul tavolo nel corso di una conferenza stampa indetta per presentare gli esiti del direttivo della Banca centrale europea.

La contestatrice tedesca con un balzo felino è saltata con entrambi i piedi sulla scrivania mentre il presidente dell’Eurotower stava illustrando le misure dell’istituto in favore della crescita dell’eurozona. La ragazza, subito bloccata dai body guard, ha avuto comunque il tempo di lanciare dei fogli di carta, molti coriandoli e urlare “stop alla dittatura delle Bce”.

Trasportata di peso fuori dalla sala, la giovane attivista (Josephine) indossava una maglietta nera con la scritta “ECB, Dicktatorship”. Subito dopo Draghi, accennando un sorriso sornione, ha ripreso i lavori: “Bene, continuiamo da dove siamo stati interrotti”.

“Mario Draghi si è preso un bel carico di coriandoli. Bene così!”, scrive la rete di movimenti di protesta Blockupy in un Tweet. Il 18 marzo scorso a Francoforte, c’è stata una vera e propria guerriglia urbana scatenata dai manifestanti di Blockupy. L’occasione era stata l’inaugurazione della nuova sede della Bce. Auto e cassonetti bruciati, slogan e girotondi contro la “fortezza” di Mario Draghi. Giovani e forze dell’ordine sono giunti anche allo scontro fisico con un bilancio di qualche decina di arresti e di alcuni feriti.

In altre contestazioni, il governatore della Bce non ha mai criticato l’azione dei manifestanti. “Fanno bene e hanno ragione a protestare”, ha detto Draghi lo scorso anno.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

“Mondo di Mezzo”, la Cassazione condanna in via definitiva Buzzi e Carminati

La sentenza ieri sera. I supremi giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte hanno convalidato in via definitiva le condanne a dieci anni per Carminati e a 12 anni e dieci mesi per Buzzi. L'ex ras delle cooperative dopo la pronuncia dei giudici è stato arrestato dai Carabinieri del Ros in Calabria. Deve espiare la pena residua di 7 anni e 3 mesi. Carminati è già in carcere.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER