10 Agosto 2022

Cina, Battello si capovolge sul fiume Yangtze. 5 Morti e 400 dispersi

Stessa categoria

Soccorritori cinesi battono sul fondo del battello capovolto sul fiume Yangtze
Soccorritori cinesi battono sul fondo del battello capovolto

Almeno cinque persone sono morte e centinaia sono dispersi dopo che un traghetto turistico con a bordo 458 persone ha perso il controllo capovolgendosi sul fiume Yangtze, nella provincia di Hubei, in Cina. La causa, riferiscono i media locali, sarebbe stata un violento nubifragio, un ciclone. Dodici le persone tratte in salvo tra cui il comandante. Si parla di oltre 400 dispersi.

Il grosso battello galleggia a testa in giù in un ampio tratto di fiume. Alcuni soccorritori sono saliti sulla nave capovolta e hanno cominciato a battere con dei martelli nella speranza di sentire voci e richieste d’aiuto.

Dall’interno si sono sentite urla e richieste di soccorso ma il recupero è molto difficile per via del maltempo. La maggior parte delle persone a bordo sono anziani quasi tutte di nazionalità cinese. 47 i membri dell’equipaggio.

Il battello turistico "Stella d'Oriente" capovolta sul fiume Yangtze
Il battello turistico “Stella d’Oriente” capovolta nel fiume cinese

Uno dei modi pensati dai soccorritori per estrarre i passeggeri sarebbe quello di ancorare la barca ad altre navi già nella zona, aprire dei varchi sul fondo con la fiamma ossidrica e da li cercare di tirare fuori uno per volta gli anziani turisti. L’operazione è in corso ma molto complessa e pericolosa, sebbene il relitto sul fiume Yangtze sia distante poche decine di metri dalla terra ferma.

La barca, la “Stella d’Oriente”, aveva non aveva inviato alcun segnale di emergenza. I media locali dicono che l’allarme è scattato dopo che alcune persone sono giunte a nuoto a riva e hanno allertato la polizia.

Scialuppe di salvataggio pronte per ospitare i sopravvissuti
Scialuppe di salvataggio pronte per soccorrere i sopravvissuti

Il battello turistico era in viaggio dalla città orientale di Nanjing a Chongqing, nel sud-ovest. Un viaggio di almeno 1.500 chilometri.

Pechino dice che la Cina non vedeva un disastro di tale portata da molto tempo. Il governo cinese, ha inibito ai giornalisti di avvicinarsi vicino il luogo del naufragio.  All’operazione di soccorso partecipano mille agenti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER