24 Febbraio 2024

L'Isis avanza. Ecco il video con l'orrore della sua propaganda

Correlati

Orrore Isis – Avanza con inumana crudeltà la propaganda dell’Isis. Gli uomini del Califfato hanno ucciso in modo orribile sedici persone. E’ successo a Ninive, in Iraq. Uomini prima interrogati, umiliati, vilipesi, torturati e alla fine trucidati con la leggerezza che si ha con i manichini.

Tutto documentato nel video che vi mostriamo con molte scene tagliate per la sua indicibile violenza e crudeltà.
Se ne sconsiglia comunque la visione ad un pubblico non adulto e sensibile.

Una carneficina choccante che va oltre ogni immaginazione. I criminali dell’Isis avevano abituato l’Occidente ai “tagliagole”. Ma qui si va oltre e con mezzi, armi e tecnologie all’avanguardia.

RINCHIUSI IN GABBIA E ANNEGATI IN PISCINA
Cinque di questi uomini condannati a morte, in tuta arancione, sono stati ammanettati rinchiusi in una gabbia di ferro appesa a delle catenee poi calati vivi in una piscina profonda quanto basta per qualche minuto.

Telecamere subacquee piazzate ai bordi della gabbia intanto registravano le enormi sofferenze degli uomini senza via di scampo. Al ritiro della gabbia si vede che i cinque uomini sono morti tutti annegati.

Nella clip ad alta risoluzione, con la celebre bandiera nera dell’organizzazione islamica, si vede un solo “condannato” che respira ancora, ma vicino a lui, c’è un miliziano che controlla che esali l’ultimo dei suoi respiri terreni.

LE ESECUZIONE NEL DESERTO
Altra sei uomini nel deserto iracheno, anche loro in tuta arancione, ammanettati e legati l’uno all’altro con una corda elettrica. Attorno al collo il carnefice ha piazzato microcariche esplosive fatte detonare a distanza. Quasi tutti decapitati. Il cameramen filma i corpi trucidati e le teste mozzate degli “infedeli” con tanto di commenti e sorrisi.

Orrore Isis, Isis Horror - miliziani dell'Isis conducono i prigionieri in auto
Eccoli i terroristi a viso scoperto che conducono all’auto i quattro uomini per poi bruciarli vivi

GLI “INFEDELI” BRUCIATI VIVI 
Nel video di propaganda, che sembra autentico, al di là degli effetti speciali di After effects che pure ci sono, si notano quattro prigionieri accompagnati dai terroristi dell’Isis (o Isil o Daesh) a viso scoperto. Gli “infedeli” vengono rinchiusi in un auto ammanettati al bracciolo di sicurezza posti sulle portiere.

A una decina di metri di distanza un terrorista con un bazooka preme il grilletto e l’auto viene perforata prendendo fuoco. Si odono le urla degli uomini che moriranno bruciati vivi tra mille indicibili sofferenze. Orrore puro.

LA MAPPA DEI TERRORISTI DELL’ISIS


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Antonio Tajani eletto segretario di Forza Italia: “Puntiamo al 10%”

Antonio Tajani è stato eletto segretario di Forza Italia alla fine del secondo giorno del congresso nazionale del partito...

DALLA CALABRIA

Occhiuto eletto vicesegretario nazionale di Forza Italia

Il governatore della Calabria Roberto Occhiuto è stato eletto vicesegretario nazionale di Forza Italia al termine della due giorni...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)