1 Ottobre 2022

Reporter dà calci ai bimbi migranti. Licenziata, poi si scusa. VIDEO

Correlati

L'ormai ex reporter ungherese Petra László, nel riquadro, mentre è in azione contro i migranti
L’ormai ex reporter ungherese Petra László, nel riquadro, mentre è in azione contro i migranti

Una reporter della tv ungherese N1TV in servizio al confine con la Serbia, ha preso a calci e sgambettate alcuni migranti tra cui una bambina mentre corrono nei campi.

In alcune riprese effettuate da un altro cameramen si vede chiaramente la donna prendere deliberatamente a calci i migranti mentre fuggono da una carica della polizia vicino al villaggio di Roszke.

In una occasione, sgambetta un padre con il figlio in braccio facendoli cadera a terra, nell’altra dà un calcio ad un giovane e poi si scaglia contro una ragazzina. Un gesto deplorevole e assai grave che ha portato la direzione della Tv a licenziarla in tronco.

VIDEO

La donna si chiama Petra Lazlo, ormai ex dipendente dell’emittente televisiva locale N1TV. Il filmato che la mostra “in azione” è stato postato da un reporter tedesco.

Inondata da vibrate proteste, l’emittente ungherese oggi ha comunicato il licenziamento della donna. “La N1TV considera inaccettabile l’accaduto. Il nostro rapporto di lavoro con la videooperatrice è chiuso. Da parte nostra consideriamo chiuso il caso”.

I apologize for syrien refugies…

Posted by Petra László on Mercoledì 9 settembre 2015

Sui Social network la donna è stata presa di mira e insultata con i peggiori epiteti. E’ stata creata anche una pagina Facebook ad hoc per dare la possibilità alla comunità di sfogarsi contro l’ex video reporter.

Il titolo dato alla pagina è “László Petra, il muro della vergogna”. In poche ore la pagina ha raccolto quasi 20 mila “Mi piace” è una marea di commenti contro l’ex reporter. Poi in un post su Facebook la video reporter si è scusata con i rifugiati siriani.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

“Mondo di Mezzo”, la Cassazione condanna in via definitiva Buzzi e Carminati

La sentenza ieri sera. I supremi giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte hanno convalidato in via definitiva le condanne a dieci anni per Carminati e a 12 anni e dieci mesi per Buzzi. L'ex ras delle cooperative dopo la pronuncia dei giudici è stato arrestato dai Carabinieri del Ros in Calabria. Deve espiare la pena residua di 7 anni e 3 mesi. Carminati è già in carcere.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER