29 Febbraio 2024

Il cooperante italiano Cesare Tavella trucidato dall'Isis a Dacca

Correlati

Cesare Tavella, il cooperante italiano ucciso dall'Isis a Dacca, Bangladesh
Cesare Tavella, il cooperante italiano ucciso dall’Isis a Dacca, Bangladesh

Il cooperante italiano Cesare Tavella, 50 anni, è stato ucciso da uomini armati a bordo di una moto nel quartiere diplomatico di Dacca, in Bangladesh. La Farnesina ha confermato il decesso.

Rita Katz, direttrice di Site, portale di monitoraggio del terrorismo jihadita , su Twitter, afferma che l”Isis ha rivendicato l’uccisione. L’intelligence italiana è al lavoro per raccogliere tutti gli elementi utili ad una valutazione.

Nel Paese, riflettono fonti dei servizi, c’è una considerevole presenza islamista e le modalità dell’uccisione sembrano indicare che l’obiettivo fosse proprio Tavella. Difficile, tuttavia, in queste prime ore riuscire a capire se l’italiano fosse nel mirino in quanto cooperante di una Ong occidentale o per altri motivi.

La rivendicazione apparsa su Site è oggetto di un attento monitoraggio e sono stati attivati canali per confrontarsi con i servizi collegati nel Bangladesh, in modo da avere elementi più certi su quanto accaduto.

LA DINAMICA – Cesare Tavella è stato ucciso nel quartiere diplomatico di Dacca,  da uomini armati a bordo di una moto. Era vestito da jogging. Dopo essere stato colpito, Tavella è stato portato agli “United Hospitals”, dove i medici lo hanno dichiarato morto. Fonti ospedaliere hanno confermato che l’uomo è arrivato morto in ospedale con numerose ferite da arma da fuoco sul corpo.

CHI ERA LA VITTIMA – Cesare Tavella lavorava come project manager per una Ong, Icco Cooperation, con uffici in Bangladesh. In particolare si occupava di un progetto, “Proofs (Profitable Opportunities for Food Security), nel settore dell’agricoltura locale e dell’alimentazione. Secondo il suo profilo sul sito del progetto, C. T. aveva cominciato a lavorare nell’ambito dello sviluppo nel 1993, sempre nel settore della sicurezza alimentare e dello sviluppo rurale, in diverse ong internazionali soprattutto in Asia. “Si considera un giocatore di squadra, che cerca di fare le cose nel modo più efficiente possibile con un team di persone sorridenti”.

IL CORDOGLIO DI GENTILONI – A nome del governo italiano il ministro degli esteri Paolo Gentiloni ha espresso il suo cordoglio per l’uccisione del cooperante Cesare Tavella e la sua vicinanza ai familiari. “Stiamo lavorando per verificare la rivendicazione di Daesh”, ha detto Gentiloni all’ANSA. “Stiamo lavorando per verificare l’attendibilità della rivendicazione di Daesh in collaborazione con le autorità locali che in un primo tempo avevano attribuito la responsabilità dell’omicidio alla criminalità comune”, ha detto Gentiloni che si trova a New York per i lavori dell’Assemblea Generale. (Ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)