18 Gennaio 2022

Nigeria, baby kamikaze si fanno esplodere. 10 morti e 40 feriti

Stessa categoria

Nigeria, baby kamikaze si fanno esplodere. 10 morti e 40 feriti
Alcuni dei feriti in Nigeria, dall’attacco delle baby kamikaze

Almeno 10 persone sono state uccise e altre 39 feriti da un attacco kamikaze multiplo compiuto, dicono fonti di sicurezza nigeriane, da ragazzine che si sono fatte esplodere nella città di Maiduguri, nel nord-est della Nigeria.

Tre degli attacchi, inediti, sono avvenuti nella notte di giovedì nell’area di Ajilari Cross, nei pressi dell’aeroporto militare. Un altro è avvenuto vicino una moschea.

Le baby kamikaze dovrebbero essere tra quattro a 6, affermano i media nigeriani. Gli attentati, avvenuti nel giorno del 55esimo anniversario dell’indipendenza della Nigeria, sono stati attribuiti al gruppo jihadista Boko Haram, che da sempre utilizza sempre di più i kamikaze per colpire i civili in diverse città, tra cui la sua roccaforte Maiduguri, teatro lo scorso 20 settembre di una serie di attacchi che hanno ucciso 117 persone.

Secondo alcuni testimoni e fonti della sicurezza alcune delle ragazze erano molto giovani, intorno ai nove anni, e il bilancio delle vittime è destinato ad aumentare. Un alto funzionario di polizia sotto anonimato, ha affermato che “in tutto, ci sono state circa sette esplosioni, ma le indagini sono ancora in corso”.

Secondo Amnesty International almeno 17.000 persone sono state uccise – 3.500 di loro solo quest’anno con decine di migliaia di feriti. La guerra in Nigeria ha provocato, oltre alle migliaia di vittime, più di 2,5 milioni di senza tetto dopo gli attacchi che il gruppo di Boko Haram ha iniziato nel 2009.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER