1 Marzo 2024

Francia, alluvione in Costa Azzurra. 17 morti e 4 dispersi. FOTO/VIDEO

Correlati

Francia, violento nubifragio sulle Alpi marittime. 13 morti e dispersi in Costa AzzurraCOSTA AZZURRA (FRANCIA) – Diciassette morti e quattro dispersi nelle inondazioni in Costa Azzurra: è il nuovo drammatico bilancio delle inondazioni in Costa Azzurra. Le forze dell’ordine e la Croix Rouge stanno cercando tre dispersi nella zona di Mandelieu La Napoule.

Una tromba d’aria con piogge torrenziali si è abbattuta ieri sera fino a dopo la mezzanotte su tutta la regione, fino Nizza e Cannes, inondando anche la celebre Promenade des Anglais. Al momento – mentre il sole è tornato sulla Costa azzurra – 35.000 case restano senza elettricità e la rete ferroviaria risulta ancora bloccata in diversi punti. Una quindicina i treni fermati e costretti a trascorrere la notte sul posto con tutti i passeggeri all’interno. Alla stazione di Nizza sono stati accolti oltre 500 turisti.

[divide icon=”circle” margin_top=”10″ margin_bottom=”10″ color=”#dd0606″]

Tre anziani sono annegati quando la loro casa di riposo vicino ad Antibes è stata inondata dall’acqua dell’alluvione. Altre cinque persone, a quanto viene riferito, sono morte dopo essere rimaste in trappola mentre cercavano di parcheggiare la propria auto in un luogo riparato. Secondo le autorità francesi, al momento vi sono anche alcuni dispersi, sei, e diversi feriti.

La Costa Azzurra è la parte più colpita con smottamenti, strade trasformate in fiumi in piena, negozi e case basse allagati, auto sommerse da fango e detriti, torrenti esondati. La paura è ancora tanta. Le autorità invitano a non uscire di casa dopo un nubifragio che in Costa Azzurra sembra non avere precedenti recenti.

VIDEO

Il presidente francese Francois Hollande ha ringraziato i soccorritori esprimendo la “solidarietà” di tutta nazione. La città di Nizza si stima abbia ricevuto il 10 % delle precipitazioni medie annuali in due soli giorni. Il fiume Brague è straripato, inondando le città vicine.

Le immagini postate sui social media sono eloquenti. In uno stadio durante una partita di calcio dalle copertura degli spalti scendono cascate.

FOTO

Apprensione tra i tifosi che sono saliti sulla parte superiore delle gradinate. Poi la partita è stata “forzatamente” sospesa. Sulle strade di Cannes l’acqua ha raggiunto il mezzo metro, non di meno a Nizza e in tutta la Costa Azzurra.

“Alcune auto sono finite in mare “, ha detto il sindaco Davis Lisnard. “Abbiamo salvato molte persone e ora dobbiamo essere vigili contro i saccheggi “. L’autostrada principale che attraversa la zona è stata chiusa, i treni si sono fermati e centinaia di turisti hanno cercato riparo nella notte all’aeroporto di Nizza. Oltre 35mila case sono senza elettricità. I danni si stimano in decine di milioni di euro, al momento. (modificato il 5 ottobre 2015)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)