19 Gennaio 2022

Kos, Grecia. Ancora bambini siriani morti. Ecco le foto choc che devono far vergognare più di Aylan

Stessa categoria

Un bambino siriano trovato morto sulla spiaggia di Kos - foto choc bambini siriani
Un bambino siriano trovato morto sulla spiaggia di Kos (kosnews.gr)

Ancora altri bambini annegati, ancora altre immagini choc dei loro corpicini adagiati senza vita sulla spiaggia.

Morti come Aylan e Garbin Kurdy, i due fratellini siriani annegati assieme alla madre dopo che il loro gommone si è rovesciato tra le acque che collegano la città turca Bodrum all’isola greca di Kos.

Ed è proprio sulla spiaggia di Kos che sono stati rinvenuti i cadaveri dei due bambini, probabilmente siriani.

Non è chiaro a quanto possa risalire il naufragio, nè la loro morte. Uno dei bambini aveva tra i 3 ed i 5 anni di età. l’altro forse non aveva nemmeno compiuto l’anno.

Un bimbo siriano trovato morti sulla spiaggia di Kos - - foto choc bambini sirianiIl bimbo siriano più piccolo è in avanzato stato di decomposizione ed era sulla spiaggia di un hotel, nella stessa zona dove è stato trovato il corpo dell’altro bambino siriano. Solo nell’ultimo weekend, la Guardia costiera greca ha condotto 57 operazioni nell’Egeo, salvando 1.743 migranti.

Il ritrovamento rievoca il dramma della morte di Aylan e del fratellino Garbin, le cui foto hanno fatto il giro del mondo suscitando sdegno e commozione. Difficile conoscere la sorte dei genitori dei bambini. Le autorità greche sperano che qualcuno possa identificare i bambini siriani per dargli degna sepoltura.

Le immagini choc di questi bambini siriani serviranno questa volta a suscitare, oltre che sdegno, una vibrata reazione dell’Ue contro i trafficanti di esseri umani?


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER