4 Dicembre 2021

Egitto, precipita Airbus 321 russo sul Sinai con 219 persone. VIDEO

Stessa categoria

Egitto, precipita un Airbus russo sul Sinai con 219 personeUn aereo di linea russo con 219 persone a bordo (212 passeggeri e 7 membri dell’equipaggio) partito da Sharm el Sheik e diretto a San Pietroburgo in Russia si è schiantato sulla penisola egiziana del Sinai centrale.

Secondo quanto riferito da media arabi un Airbus A321, volo 92-68, appartenente alla compagnia aerea russa Kogalymavia, noto anche come Metro Jet, in viaggio da Sharm el-Sheikh (Egitto) a San Pietroburgo è decollato alle 6.51 ora di Mosca con arriva previsto alle 12.10 sempre con orario della capitale russa.

Alle 7.14 non ha contattato Larnaca (Cipro) ed è scomparso dai radar. L’aereo trasportava 212 passeggeri e sette membri dell’equipaggio”.

Poco prima  di scomparire dai radar, l’aereo aveva lanciato il mayday e chiesto un atterraggio di emergenza. Al momento le informazioni sono frammentarie. Lo schianto sarebbe avvenuto nell’area centrale del Sinai, in Egitto.

VIDEO

L’agenzia russa Tass, citando fonti dell’aeroporto del Cairo, riferisce che l’aereo con a bordo 212 civili e 7 membri dell’equipaggio aveva richiesto un atterraggio di emergenza in uno degli aeroporti più vicini in Egitto poco prima di scomparire dai radar.

L’aereo di linea volava a 9.000 metri di quota quando il comandante dell’aereo ha contattato i controllori del traffico aereo e ha chiesto atterraggio di emergenza a causa di un malfunzionamento della stazione radio. Il collegamento con l’aereo è stato perso dopo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Australia choc, ragazza sana viene deportata in un campo di internamento Covid

Potremmo titolare questa testimonianza scioccante "C'era una volta l'Australia". Un paese meraviglioso trasformato nel Terzo Reich. Le strategie totalitarie del governo australiano per costringere la gente a vaccinarsi e portare avanti l'agenda criminale dell'èlite globalista di Davos. Seminano il terrore deportando i cittadini sanissimi in veri e propri campi di concentramento. E questo accade a migliaia di persone nel silenzio generale

Sindacato infermieri: quasi 4mila contagi tra sanitari vaccinati negli ultimi 30 giorni

I nuovi casi nell'ultimo mese sono stati 3.929, mentre 107 infermieri si infettano ogni 24 ore. Lo afferma Antonio De Palma, presidente del Nursing Up, il sindacato nazionale degli infermieri

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER