26 Settembre 2022

Il Pentagono: “Ucciso Abu Nabil, il capo dell’ISIL in Libia”

Correlati

Il Pentagono: Ucciso Abu Nabil, il capo dell'ISIL in LibiaL’esercito degli Stati Uniti, avrebbe ucciso in un raid aereo in Libia, il leader dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL) in Libia. Si tratta di Abu Nabil, conosciuto anche come Wissam Najm Abd Zayd al Zubaydi. Lo ha annunciato il portavoce del Pentagono, Peter Cook.

Abu Nabil – cittadino iracheno e soggetto di rango di lunga data di al-Qaeda – sarebbe il mandante della barbara esecuzione di un gruppo di cristiani copti egiziani decapitati a febbraio su una spiaggia della costa del Paese nordafricano. Fu lui ad annunciarlo in un video, come crudele forma di propaganda. Ad Abu Nabil gli si imputano diversi crimini.

“La morte di Nabil ha detto Cook – indebolisce la capacità di ISIL di raggiungere gli obiettivi del gruppo terroristico in Libia, tra cui il reclutamento di nuovi adepti nell’organizzazione, la proliferazione di basi in Libia e la pianificazione di attacchi contro gli Stati Uniti”.

Anche se questo non è stato il primo attacco americano contro i terroristi in Libia, è di sicuro il primo attacco degli Usa contro un leader ISIL in nella nazione nord africana. Ciò dimostra, ha spiegato il portavoce, che gli Stati Uniti saranno ovunque i leader dell’Isil si stabiliscano e operino.

Peter Cook ha concluso dicendo che l’operazione è stata autorizzata e avviata dal Pentagono prima che l’attacco terroristico a Parigi avesse luogo.

Probabilmente Abu Nabil è una delle menti della strage del museo del Bardo a Tunisi, dove furono trucidate 24 persone tra cui quattro italiani.

Appena due giorni era stata annunciata anche l’uccisione di un altro dei boia dell’Isis: Jihadi John, al secolo Mohammed Emwazi, il britannico di origini kuwaitiane che sarebbe stato colpito in un raid di droni Usa a Raqqa, in Siria. Fonti militari Usa di alto rango hanno riferito che la sua morte “è certa al 99 percento”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Russia-Ucraina, Putin mobilita l’esercito: “L’Occidente ha superato i limiti di aggressione”

Spirano venti di guerra globale. Chiamati 300mila riservisti. Il presidente della federazione russa avverte: "L'Occidente ha deciso per la minaccia nucleare contro di noi. Io dico all'Occidente (e alla NATO): "Abbiamo parecchie armi per rispondere. Non è un bluff". Intanto è stato indetto un Referendum per l'indipendenza del Donbass

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER