Bruxelles, si cercano più terroristi. E' caccia a Salah Abdeslam

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Bruxelles, si cercano più terroristi. E' caccia a Salah Abdeslam
Militari per le piazze di Bruxelles

Sarebbero più di due i sospetti terroristi cui la polizia belga sta dando la caccia in queste ore a Bruxelles. Forse una decina.

Domenica, come sabato la città è rimasta “chiusa”. Blindata tra militari e saracinesche abbassate.

Il ministro dell’Interno Jan Jambon ha riferito che la minaccia maggiore è quella rappresentata da Salah Abdeslam, super ricercato per gli attentati di Parigi e amico di infanzia di Abaaud, il jihadista ucciso nel blitz di Saint-Denis, ritenuto dai vertici dell’intelligence la mente  degli attentati di Parigi.

Il giovane non è tra le vittime del blitz a Saint-Deniz, per cui le autorità del Belgio sospettano possa aver raggiunto compagni anch’essi affiliati a Daesh.

A Bruxelles e in altri luoghi sensibili il governo ieri ha innalzato il livello di allerta massima per “concreti rischi di attacco terroristico.

Il primo ministro aveva riferito che è alto il timore che i complici degli attentatori che hanno causato la morte a Parigi di 130 persone è abbastanza preoccupante. Da qui la decisione di alzare al 4° grado l’allerta di sicurezza.

La metropolitana rimane chiusa fino a lunedi mattina, mentre i residenti sono stati invitati a evitare luoghi affollati.

Già sabato la città si presentava spettrale. Deserte strade e piazze di solito frequentate da migliaia di giovani. I soldati pattugliano le strade dando il senso di una città in guerrà.

Intanto è caccia all’uomo su Salah Abdeslam, 26, cittadino francese che ha vissuto a Bruxelles, a Molenbeek. La polizia ha diffuso informazioni sulla pericolosità del jihadista: “E’ armato e pericoloso”.

Alcuni suoi amici hanno riferito che Salah si trovava nella periferia di Bruxelles e starebbe cercando di scappere in Siria, luogo per lui certamente “sicuro”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM