2 Ottobre 2022

Zimbabwe, uccisi Claudio e Max Chiarelli. E’ mistero fitto

Correlati

Massimiliano (al centro) e Claudio Chiarelli a sinistra uccisi in Zimbabwe
Massimiliano (al centro) e Claudio Chiarelli a sinistra uccisi in Zimbabwe uccisi (Facebook)

E’ mistero fitto sull’uccisione dei due padovani, Claudio e Massimiliano Chiarelli, padre e figlio, di 50 e 19 anni, avvenuta nello Zimbabwe per mano della guardie di una riserva di caccia privata. Al momento nessuno sa dare una spiegazione sull’accaduto. Le autorità di Harare sembrano nicchiare parlando di un errore.

Il fatto è avvenuto nel pomeriggio di domenica nel parco “Mana Pools” nella città di Harare. L’ipotesi prevalente è che i due siano stati scambiati per bracconieri all’interno della tenuta. Ma, soprattutto Claudio Chiarelli, era un cacciatore molto conosciuto in zona. Per cui, la pista “dell’intruso” in una riserva di caccia lascia molto perplessi. Molte cose non tornano. E l’Italia si ritrova in un caso per certi versi simile al caso Regeni in Egitto, senza poter incidere sulle indagini.

La Farnesina ha confermato la notizia sottolineando che l’episodio è avvenuto “in circostanze ancora da chiarire”. Claudio Chiarelli era da tempo nel Paese africano dove è nato il figlio Massimiliano, ma per tutti Max.

I due padovani sarebbero stati uccisi a colpi di fucile dal personale di vigilanza della riserva. L’ambasciata italiana di Harare è in contatto con la famiglia delle due vittime per fornire tutta l’assistenza necessaria.

A Padova – riferisce il “Mattino di Padova” –  la notizia è rimbalzata attraverso canali privati, ma in modo molto frammentario, tanto che finora l’unica conferma è quella data nella tarda serata di ieri dalla Farnesina. Un duplice omicidio molto misterioso. Più ombre che luci.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

La Russia annette il Donbass. Il discorso di Putin: “Èlite occidentali arroganti. Noi Potenza sovrana”

Il presidente russo: "Non c'è più spazio per il colonialismo e l'egemonia degli Usa. La Russia oggi è tornata ad essere una grande Nazione, una grande potenza millenaria, un Paese di civiltà, e non ha intenzione di vivere secondo le regole truccate e fasulle dell'Occidente"

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER