12 Agosto 2022

Falcia la folla a Nizza: 84 morti e tanti feriti. L’Isis festeggia

Stessa categoria

Falcia la folla a Nizza: 84 morti e tanti feriti. L'Isis festeggia
Il camion del folle imbrattato del sangue innocente

Un uomo a bordo di un camion ha falciato la folla durante una manifestazione per le celebrazioni del 14 luglio a Nizza, in Francia. Il bilancio provvisorio è di 84 morti, tra cui molti bambini e adolescenti. 202 i feriti dei quali 52 versano in gravissime condizioni e 25 in rianimazione. Il numero dei morti potrebbe salire.

L’attentatore, che la polizia ha ucciso crivellando la cabina del camion, è stato identificato. Si chiama Mohamed Lahouaiej Bouhlel, un franco-tunisino di 31 anni. Non è chiaro se e per conto di chi abbia portato a termine la sua missione di morte. Dalle prime ricostruzioni sembra che il folle fosse depresso per la separazione dalla moglie. Ma si indaga per appurare possibili legami con la Jihad. L’obiettivo suo era infatti il compimento di una strage con un gran numero di morti e di farla nel giorno simbolo per la Francia: il 14 luglio.

Tra la folla a Nizza c’erano molti italiani. Uno di questi risulta tra i feriti gravi. Altri risultano ancora “dispersi”. La Farnesina e l’ambasciata italiana sono al lavoro per accertare il numero di connazionali presenti e coinvolti.

Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il 31enne stragista ha ucciso le sue vittime guidando il camion ad una velocità di circa 80 chilometri orari. C’era tantissima gente per le strade e questo ha facilitato la sua missione. L’uomo era noto alla polizia per violenze e uso di armi, era stato in libertà vigilata. Secondo fonti della Tunisia, l’attentatore sarebbe un tunisino emigrato con il padre estremista islamico. Media francesi riferiscono che sarebbe stata fermata la moglie e che nella casa del killer non sono state trovate né armi né esplosivi. Sempre secondo i media francesi il killer avrebbe beffato i servizi di sicurezza della Promenade des Anglais fingendosi un fornitore di gelati. Da domani tre giorni di lutto nazionale in Francia.

L’attentato di Nizza, “anche se non è stato ancora rivendicato, corrisponde esattamente agli appelli di omicidio delle organizzazioni terroristiche islamiche diffusi sulle loro riviste” e sui media, ha detto il procuratore Francois Molins. Il califfato intanto festeggia l’ennesima strage di innocenti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER