10.6 C
Cosenza
27 Novembre 2021

Rapiti due italiani in Libia. Sono Danilo Calonego e Bruno Cacace. Farnesina segue sviluppi

Leggi anche

Rapiti due italiani in Libia. Farnesina al lavoro
Rapiti due italiani in Libia. Farnesina al lavoro

Il ministero degli Esteri ha confermato che sono stati rapiti due italiani in Libia. si tratta di Bruno Cacace, 56enne residente a Borgo San Dalmazzo (Cuneo), e Danilo Calonego, 66enne della provincia di Belluno.

E’ quanto scrive l’Ansa che cita i carabinieri del Comando provinciale di Cuneo, che dopo essere stati contattati dalla Farnesina si sono recati presso la sede della ditta per cui lavorano, la Con.I.Cos di Mondovì (Cuneo) e presso l’abitazione di Cacace a Borgo San Dalmazzo.

Non è chiaro da quale fazione di guerriglieri siano stati rapiti i due, né se siano giunte all’Italia richieste di riscatto. Le famiglie di Danilo Calonego e Bruno Cacace sono comprensibilmente scosse e molto preoccupate per i loro congiunti.

La Farnesina è stata informata da questa mattina e ora per ora sta seguendo gli sviluppi insieme alle altre articolazioni dello Stato italiano.

Il sequestro è avvenuto questa mattina a Ghat, vicino al confine con l’Algeria. Con loro è stato preso in ostaggio anche un canadese. I due sono dipendenti della società Con.I.Cos – società di costruzioni di Mondovì (Cuneo), che opera nei paesi del Maghreb – e stavano svolgendo lavori di manutenzione dell’aeroporto.

Si lavora con il massimo riserbo tenuto conto della delicatezza della situazione. Già a luglio 2015, vennero rapiti in Libia 4 tecnici italiani della Bonatti Spa. I quattro vennero prelevati mentre rientravano dalla Tunisia nella zona di Mellitah, a 60 km di Tripoli, nei pressi del compound della Mellitah Oil Gas Company, il principale socio dell’Eni.

A distanza di alcuni mesi, ad aprile, l’italia apprese la triste notizia dell’uccisione di due italianiFausto Piano e Salvatore Failla, mentre gli altri due, Gino Tullicardo e Filippo Calcagno, si sono salvati. Apprensione in queste ore per i due nostri connazionali.

 


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER
- Advertisement -

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

- Advertisement -

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Dall'Italia e dal mondo

Green Pass, senatrice Granato: “Fermeremo questa deriva. Draghi ci porterà alla guerra civile”

La parlamentare controcorrente rispetto al pensiero unico su virus e vaccini a iNews24 sull’obbligo del certificato verde, ha spiegato: “Intanto si può valutare un ricorso alla Corte Costituzionale, e poi sicuramente la disobbedienza civile dei cittadini può fare il resto”

Ultime dalla Calabria

Maltempo, a Cosenza scuole chiuse anche sabato 27 novembre

Tutte le scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado presenti nel territorio comunale di Cosenza resteranno chiuse...
- Advertisement -

I misteri del Covid e dei vaccini

- Advertisement -

Popolari sul Covid

- Advertisement -

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER