Attentato a Londra, c’è l’Isis dietro l’assalto a Westminster

Carlomagno Lancia Ypsilon Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Il terrorista a Londra circondato dagli agenti a Londra. Cerchiato il coltello dell'aggressore
Il terrorista a Londra circondato dagli agenti a Londra. Cerchiato il coltello dell’aggressore (Ansa)

Brutale attacco terroristico a Londra, dove un uomo sui 40 anni dai tratti asiatici (si parla di un giamaicano cittadino inglese) ha prima falciato la folla sul ponte di Westminster, dove c’è il Big Bang, e poi ha accoltellato alcuni poliziotti di guardia all’ingresso del Parlamento britannico.

Il bilancio è di 4 morti e almeno una ventina di feriti, di cui alcuni in gravi condizioni. L’attacco è definito da Scotland Yard di matrice “terroristica”. Nessuna rivendicazione al momento,  ma le modalità dell’attacco sono proprie dell’Isis nella cui galassia gravitano lupi solitari che sono radicalizzati o ispirati dal califfato.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

L’uomo, che è stato poi neutralizzato, a bordo di un’auto 4×4 si è lanciato ad alta velocità sul ponte e ha travolto decine di persone come è avvenuto con i Tir nella strage di Natale a Berlino e prima ancora a Nizza, in Francia.

Poi è sceso dall’auto e si è diretto verso il Parlamento inglese con l’intento di colpire il cuore delle istituzioni britanniche: nell'”Houses of Parliament” c’era il primo ministro inglese Theresa May che assisteva alla seduta in corso. Alla notizia dell’attacco è stata subito portata via.

“Era tarchiato e vestito di nero con una lunga arma in pugno”, hanno detto testimoni. I poliziotti hanno tentato di fermarlo e, prima di essere ucciso, è riuscito a sferrare alcune coltellate a un agente, che risulta deceduto. I soccorritori hanno fatto di tutto per salvargli la vita ma è morto tra gli sguardi increduli dei colleghi.

L’attacco è avvenuto nell’anniversario dell’attentato terroristico di Bruxelles, avvenuto il 22 marzo 2016 con lo spaventoso bilancio di 35 morti e oltre 150 feriti. L’attacco nella capitale belga, è stato scagliato simultaneamente all’aeroporto di Zaventem e nella metropolitana di Maalbeek. L’attentato era stato rivendicato dall’Isis.

Nel corso dell’attacco, i punti strategici della metropoli sono stati blindati. E’ massima allerta. Si sospetta che l’attacco possa essere replicato da gruppi (o cani sciolti) vicini all’estremismo islamico. Cancelli chiusi e guardie armate a difesa di Buckingham Palace, la residenza della regina d’Inghilterra, che si trova a pochi passi da Westminster.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM