28 Giugno 2022

Germanwings, il padre di Andreas Lubitz: lontani da verità

Stessa categoria

Günter Lubitz e il figlio Andreas Lubitz
Günter Lubitz e il figlio Andreas Lubitz

Al tempo della caduta dell’aereo di Germanwings il copilota della compagnia aerea tedesca “non soffriva di depressione”. Lo ha detto il padre di Andreas Lubitz, a Berlino, in una conferenza stampa convocata, per esprimere dubbi sugli esiti dell’inchiesta sull’aereo caduto sulle Alpi francesi che, secondo gli inquirenti, è stato distrutto intenzionalmente dal giovane copilota. La tragedia risale a due anni fa, nell’aereo morirono 150 persone.

Andreas Lubitz aveva superato la sua depressione già sei anni prima della caduta dell’aereo di Germanwings. “Aveva ritrovato la sua forza originaria e la sua gioia di vivere”, ha detto il padre Gunther.

Il padre del copilota ha convocato la conferenza stampa, dando la parola ad un esperto di aviazione, assunto per fare chiarezza sull’inchiesta, che ha fornito ipotesi alternative a quelle “ufficiali” nell’inchiesta di cui ha fatto notate i “numerosi errori” ricostruiti dai magistrati.

Sono mille i dubbi sorti attorno al disastro aereo del 24 marzo 2015. Leggi tutto ciò che avvenne due anni fa tra ricostruzioni e depistaggi sul misterioso crash dell’airbus. Una “verità”, quella emersa dalle autorità, basata esclusivamente su “indizi”, anche deboli, ma senza una prova che sia stato un gesto “deliberato”. Le famiglie delle vittime hanno protestato per la conferenza stampa del padre del presunto kamikaze.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER