Londra, arrestato per terrorismo uomo trovato con coltelli


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

terrorismo-arresto-LondraLONDRA – La polizia ha arrestato per terrorismo un uomo trovato con due grossi coltelli da cucina in Parliament Street, nel centro di Londra, fra il palazzo di Westminster, sede del parlamento, e i principali edifici governativi dell’area di Whitehall, a Londra, dove c’è anche Downing Street. L’area è la stessa dove c’è stato l’attentato lo scorso 22 marzo.

Una nota di Scotland Yard conferma intanto che non ci sono stati feriti e che “l’incidente” viene considerato chiuso. L’uomo arrestato è accusato di aver progettato “un’azione terroristica”, riferisce ancora Scotland Yard, senza precisare per ora quali fossero esattamente le sue intenzioni e il suo obiettivo.

L’arrestato, è ora detenuto in camera di sicurezza in una stazione di polizia nell’area sud di Londra. Secondo quanto comunicato da Scotland Yard, l’uomo, sui 30 anni circa, è stato fermato in base al Terrorism Act, la legge britannica sul terrorismo, poiché “sospettato di possesso di armi atte all’offesa e sospettato di aver commesso, preparato o istigato azioni terroristiche”.

“I coltelli recuperati sono stati sottratti a lui”, si legge in un’ulteriore precisazione della polizia. Scotland Yard informa inoltre che i “detective dell’Antiterrorismo stanno continuando le loro indagini”, ma che al momento, dopo l’arresto eseguito, non risulta più “alcuna minaccia nota immediata”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM