27 Gennaio 2022

Germania, iracheno spara e uccide in una discoteca di Costanza

Stessa categoria

Sparatoria Costanza Germania
(Foto da Bild.de)

E’ di due morti e quattro feriti gravi il bilancio di una sparatoria in una discoteca a Costanza, nel Land Baden-Wuerrtemberg, in Germana. La polizia ha riferito che la sparatoria è avvenuta intorno alle 4.30 della notte scorsa quando un uomo, 34 anni, avrebbe aperto il fuoco, si sospetta con una mitragliatrice, contro i presenti nel club Grey.

L’uomo, un iracheno, è stato poi ferito in un inseguimento con la polizia ed è deceduto in ospedale. La seconda vittima era un ospite della discoteca. Tra i feriti anche un poliziotto. L’agente non sarebbe in pericolo di vita. Altri due feriti sarebbero invece gravi.

L’autore della sparatoria era un iracheno residente da molti anni in Germania. La polizia, che non si sbilancia sull’ipotesi terrorismo, indaga sul passato dell’uomo per risalire al movente che l’ha spinto a sparare.

L’attacco, che è simile a quello condotto da jihadisti in una discoteca di Istanbul, in Turchia, e al Bataclan di Parigi, sarebbe stato compiuto solo dall’iracheno. secondo la Polizia non vi sarebbero complici.

Secondo un testimone oculare citato dalla Bild lo sparatore è entrato nel locale quando all’interno vi erano centinaia di persone. “Ha sparato all’impazzata contro gli avventori del locale”, ha detto.

La sparatoria avviene a poche ore dall’attacco terroristico ad Amburgo dove un uomo di origini saudite è entrato con un machete in un market e al grido di Allah u Akbar ha ferito decine di persone e ucciso un uomo di 50 anni.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Licata, uccide 4 familiari tra cui due nipotini, poi tenta il suicidio

La strage sarebbe stata originata da una lite in famiglia per motivi di interesse legati alla suddivisione di alcuni terreni dove coltivano carciofi

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER