1 Ottobre 2022

Messico, crolla una scuola, morti bambini e insegnanti

Correlati

terremoto in Messico 19-9-2017 Sono almeno 22 i bambini morti nel collegio di Città del Messico. Sotto le macerie ha detto il presidente messicano Enrique Peña Nieto sono intrappolati ancora altri 30 bambini.

La scuola, il collegio “Enrique Rebsamen”, è completamente crollata a seguito del violentissimo terremoto di magnitudo 7.2 delle 13.14 di martedì (ora locale) nel Messico centrale, con epicentro a Puebla, a circa 120 chilometri dalla capitale.

Il bilancio provvisorio è di una 216 vittime accertate, secondo un ultimo bollettino, molte delle quali nella capitale e nello stato Morelos. Migliaia di feriti e sfollati. Il sisma, avvenuto in pieno giorno sulla terra ferma, sarebbe stato più devastante del terremoto del 7 settembre scorso (M. 8.2) che ha causato cento morti.

L’evento, ironia della sorte, si è verificato mentre a Mexico City c’era una esercitazione antisismica programmata dopo l’evento di due settimane fa.

Esplora com’era il collegio “Enrique Rebsamen”

Al momento non si conosce quanti siano esattamente i bambini che erano nel plesso. Il sisma all’ora di pranzo ha colpito molti altri edifici, uffici in cui si era in piena attività scolastica e lavorativa. Il sindaco di Città del Messico ha detto che ci sono informazioni su persone intrappolate in edifici crollati.

Le immagini del terremoto in Messico (Ansa/Ap e Twitter‏)

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Per favore, silenzio! Stiamo lavorando per salvare i piccoli!”, è stato il grido dei responsabili della protezione civile messicana mentre, circondati dalla folla, tentano di trarre in salvo bambini rimasti sepolti sotto le macerie di una scuola di Città del Messico crollata per il terremoto.

Nel distretto di Cuauhtemoc, dentro al quale si trova il centro storico di Città del Messico, almeno 12 palazzi sono crollati e in almeno tre di essi si sta lavorando per trarre in salvo persone rimaste sotto le macerie.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

La Russia annette il Donbass. Il discorso di Putin: “Èlite occidentali arroganti. Noi Potenza sovrana”

Il presidente russo: "Non c'è più spazio per il colonialismo e l'egemonia degli Usa. La Russia oggi è tornata ad essere una grande Nazione, una grande potenza millenaria, un Paese di civiltà, e non ha intenzione di vivere secondo le regole truccate e fasulle dell'Occidente"

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER