Elezioni in Germania, seggi aperti. I “big” temono Alice Weidel di AfD

Carlomagno Panda Settembre 2018
Alice Weidel
Alice Weidel candidata cancelliera di Alternative fur Deutschland (AfD), partito nazionalista e anti Ue

Urne aperte da stamattina in Germania per le elezioni politiche da cui dovrà uscire il nuovo cancelliere. Gli elettori chiamati al voto sono 61,5 milioni di tedeschi.

La sfida “big” è tra Angela Merkel, in cerca del quarto mandato, e l’ex presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz. Ma in tutti i sondaggi della vigilia si prospetta un boom dei nazionalisti di Alternative fur Deutschland (AfD) fondato da Bernd Lucke che propone come candidata cancelliere Alice Weidel.

AfD è attestata dai sondaggi tra l’11 e il 13%, e potrebbe aspirare, se dovesse prendere questa percentuale a divenire il terzo partito della Germania e a guidare l’opposizione superando la miriade di partiti, tra cui i Verdi (dati al 7%), in corsa per uno scranno a Berlino, a patto che superino lo sbarramento del 5 percento.

Secondo i sondaggi della vigilia, la Cdu-Csu della Merkel si attesterebbe tra il 34 e il 36%, ma comunque lontani dal 41,5% del 2013; l’Spd, data fra il 21 e il 22%, in forte svantaggio, e lontana dal risultato dell’ultima volta, del 25,7%.

Un sondaggio Emnid, commissionato da Bild, mostra una diminuzione dello scarto fra le preferenze per i due contendenti principali: Merkel, al 45%, e Martin Schulz, al 32%.

I seggi, aperti da stamani alle 8 chiuderanno alle 18. Subito dopo saranno comunicati i primi exit poll dalle emittenti televisive nazionali ARD e ZDF, e a seguire, nel giro di pochi minuti, le prime proiezioni. I partiti che si presentano sono 42, e 4.828 i candidati al Bundestag, il parlamento federale tedesco.