22 Gennaio 2022

Attentato alla stazione bus di Manhattan, 4 feriti. Preso attentatore

Stessa categoria

La Polizia sul luogo dell'attentato a New York. Nel riquadro Akayed Ullah
La Polizia sul luogo dell’attentato a New York. Nel riquadro Akayed Ullah (Ansa)

Una forte esplosione è avvenuta stamattina (primo pomeriggio in Italia), alla stazione bus “Port Authority” di Manhattan, a New York. Il bilancio è di quattro feriti, dei quali nessuno è grave.

Per l’esplosione la polizia ha fermato Akayed Ullah, un tassista bengalese di 27 anni che vive a Brooklyn. L’attentatore è rimasto ferito ed è stato trasportato all’ospedale di Bellevue.

Non è chiaro se il ventisettenne abbia piazzato l’ordigno artigianale nella stazione, oppure aveva un giubbotto imbottito di esplosivo e lo ha fatto deflagrare nel tentativo di fare il kamikaze.

La polizia di New York sta indagando sull’attacco terroristico. Secondo le prime informazioni, l’uomo è stato ispirato dall’Isis. Ad avvalorare questa ipotesi è l’ex capo della polizia di New York, Bill Bratton, in un’intervista a Msnbc. “E’ stato un tentato attacco terroristico”, ha confermato il sindaco di New York Bill De Blasio.

“Questa è New York, la nostra realtà, quella con cui dobbiamo fare i conti. Siamo un obiettivo internazionale”, ha dichiarato il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, commentando l’esplosione di stamattina. “Dobbiamo andare avanti tutti insieme”.

Secondo quando riportano i media americani, Akayed Ullah avrebbe riferito di aver “agito per vendetta”. Ullah, secondo le prime ricostruzioni, è un ex tassista originario del Bangladesh che vive a Brooklyn. “Hanno bombardato il mio Paese e volevo fare del male qui”, avrebbe affermato l’attentatore.

Altri media riferiscono che lo avrebbe fatto in reazione agli scontri nella Striscia di Gaza, “provocati” dagli Usa di Trump che ha proclamato Gerusalemme capitale di Israele. La Cnn, citando fonti investigative scrive che Akayed Ullah avrebbe legato il suo gesto alle azioni di Israele contro la popolazione di Gaza.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Avvocati contro il Green pass respinti con violenza dalla Polizia sotto la Cassazione

Gli agenti aggrediscono gli avvocati e spintonano la parlamentare Sara Cunial che supportava i legali. "Comportamento vergnognoso" La deputata: "Attacco fisico e verbale è atto gravissimo, siamo in dittatura"

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER