27 Febbraio 2024

Iran, si tolgono il velo in segno di protesta. Arrestate 29 donne

Correlati

velo hijabLa polizia iraniana ha arrestato 29 donne che si erano tolte il velo in strada in segno di protesta contro l’hijab obbligatorio, il velo imposto dalla religione islamica che copre capo, gola e spalle.

L’agenzia Tasnim, vicina al governo, ha riferito che le fermate stavano partecipando ad una campagna conosciuta come “mercoledì bianco”, dal colore dei veli sventolati. Negli ultimi giorni, i social media hanno diffuso le immagini di diverse donne protestare contro il velo obbligatorio in diverse città. In Iran chi mostra la testa in pubblico rischia fino a due mesi di carcere. (Ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)