Siria, tensione tra Usa e Russia. Mosca: “Se attaccate risponderemo”

Carlomagno Jeep Compass Febbraio 2021

decollo caccia militareE’ alta tensione fra Russia e Stati Uniti sulla Siria, dopo il presunto attacco con il gas a Duma e le minacce di ritorsioni fatte dal presidente americano Trump. Dopo l’incontro ravvicinato di ieri fra jet russi ed il cacciatorpediniere statunitense Donald Cook, Mosca ha ribadito l’intenzione di non far passare liscia nessuna possibile azione militare da parte di Washington.

L’ambasciatore di Mosca in Libano, Alexander Zasypkin, ha sottolineato che “le forze russe affronteranno qualsiasi aggressione degli Stati Uniti contro la Siria” e l’esercito russo si riserva il diritto di “abbattere i missili” e “distruggere le fonti di lancio” in caso di aggressione degli Stati Uniti contro la Siria.

Il Consiglio di Sicurezza Onu ha bocciato intanto anche la terza bozza di risoluzione sulla Siria presentata dalla Russia, che chiedeva l’invio di investigatori Opac a Duma per indagare sul presunto attacco chimico. Da parte sua, Mosca ha posto il veto alla bozza Usa per istituire un nuovo meccanismo d’inchiesta indipendente. Trump muove intanto le navi militari. E Macron afferma che la Francia deciderà la risposta insieme a Usa e Gb.

L’Agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa) ha diramato un’allerta sulle rotte aeree del Mediterraneo orientale. Secondo quanto riportano i media internazionali. L’allarme è stato emesso “a causa del possibile lancio di raid aerei con missili aria-terra e/o cruise entro le prossime 72 ore”. E va tenuta anche presente “la possibilità di un’interruzione intermittente delle apparecchiature di radionavigazione”, afferma l’Easa.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM