27 Settembre 2022

Dramma in Thailandia, squadra dispersa in una grotta: “Sono vivi”

Correlati

soccorsi grotta thailandia12 ragazzi thailandesi dispersi con il loro allenatore di calcio in una grotta da nove giorni sono stati trovati vivi il 2 luglio. Il gruppo è stato raggiunto dai sub della Marina militare in un punto asciutto della grotta a oltre tre chilometri dall’entrata. Non si era mosso da lì fin dal giorno della scomparsa, il 23 giugno. “Li abbiamo trovati tutti e 13 in vita”, ha detto Narongsak Osatanakorn, il governatore della provincia di Chiang Rai, che dirige i soccorsi all’interno della grotta Tham Luang.

Alla notizia del ritrovamento, avvenuto attorno alle 22 locali (le 17 in Italia) del 2 luglio, la gioia è esplosa nell’intero campo base delle operazioni di soccorso e poi, mano a mano che si è diffusa, in tutta la Thailandia, che seguiva la corsa contro il tempo sotto lo slogan “Riportiamoli a casa”. Decine di parenti dei dispersi hanno gioito increduli, a coronamento di una snervante attesa in totale assenza di notizie sulle condizioni dei loro ragazzi.

“Sono così felice che non riesco a pensare ad altro”, ha detto un genitore al quotidiano thailandese The Nation. Il tripudio collettivo è comprensibile: molti temevano che, nonostante le dichiarazioni ottimistiche delle autorità, il gruppo non potesse più essere in vita. Hanno passato oltre 220 ore senza contatti con il mondo esterno, presumibilmente gran parte di esse nel buio totale e con scorte di cibo e acqua probabilmente sufficienti solo per l’escursione del pomeriggio in cui erano rimasti intrappolati.

Il primo ministro Prayuth Chan-ocha ha ringraziato pubblicamente le squadre di soccorso, che negli ultimi giorni erano diventate una vera task force multinazionale, con la partecipazione di specialisti americani, britannici, australiani, cinesi e giapponesi, oltre che di appartenenti a una decina di agenzie governative, residenti e volontari. Passato il sollievo di averli ritrovati vivi, la sfida è ora quella di mantenerli in forze prima di riportarli alla luce in tempi brevi. Lo stesso governatore Narongsak ha aggiunto che “l’operazione non è conclusa”.

I soccorritori – aiutati da decine di pompe per svuotare la grotta dall’acqua accumulata – hanno impiegato quasi sessanta ore a liberare i cunicoli dal fango che aveva intasato strettoie in cui si può infilare una sola persona alla volta, sempre con il rischio che nuove piogge cancellassero i loro progressi e mettessero a rischio la loro stessa vita.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Spari in una scuola in Russia, 15 morti tra cui 11 bimbi. 24 feriti. Il Cremlino: “Forse un neonazista”

Si aggrava il bilancio delle vittime della sparatoria nella scuola di Izhevsk, salito a 15 morti, tra cui 11...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER