Terremoto e tsunami in Indonesia, le vittime sono oltre 1200

Il bilancio è ancora provvisorio. Il numero dei morti potrebbe aumentare. Numerosi sono dispersi

Black Friday Carlomagno novembre 2018

terremoto tsunami indonesia

Sale drammaticamente il bilancio delle vittime per il terremoto di magnitudo 7.5, seguito da un devastante tsunami, nel Sulawesi centrale, in Indonesia: il numero, ancora provvisorio, è di 1.203 morti, fa sapere l’Agenzia nazionale per i disastri.

La maggior parte delle vittime sono state trovate a Palu, mentre il resto è stato trovato a Donggala, le zone più colpite da sisma e tsunami. Venerdì pomeriggio una forte scossa di magnitudo 7.5, seguita da serie di terremoti tra il 5 e il sesto grado della scala Richter, hanno provocato crolli e scatenato un’onda anomala alta diversi metri che ha flagellato la costa indonesiana trascinando con sé centinaia di persone.

Sepolture di massa per rischio epidemie – Le autorità hanno disposto la sepoltura di massa dei corpi per evitare epidemie. Le vittime, fa sapere la protezione civile, sono state identificate attraverso le impronte digitali. Il portavoce dell’agenzia per i disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha affermato che il numero dei morti potrebbe aumentare, dato all’appello mancano molte persone ritenute disperse.

Al momento ci sono oltre 700 persone rimaste ferite a causa del terremoto e dello tsunami e che attualmente vengono curate negli ospedali. Nel frattempo, circa 20 mila persone sono state sfollate e attualmente occupano 24 campi nella regione.

Sciacalli in azione per depredare carburante alle stazioni di servizio e viveri nei market. Alcuni di questi sono stati sorpresi nelle abitazioni a prendere vestiti, ma anche tv e computer.