Violento terremoto in Perù, magnitudo 8.2. Crolli e panico tra la gente

Il sisma si è verificato nella notte di domenica 26 maggio. Non si hanno al momento notizie di crolli o feriti. Avvertito in Ecuador e Colombia. Case crollate a Yurimaguas. Evacuato ospedale

Carlomagno campagna Jeep Renegade ottobre 2019

Un violentissimo terremoto di magnitudo 8.2 della scala Richter si è verificato nella notte, alle 2.41 (le 9.41 in Italia) a nord del Perù, nella regione del Loreto, con epicentro nella Riserva amazzonica di Pacaya-Samiria.

Secondo i dati forniti dagli istituti di geologia, il potente sisma è stato localizzato tra i 75 e i 130 km di profondità. Diverse città sono rimaste senza corrente elettrica, ma al momento non si hanno notizie di eventuali crolli o danni a persone.

Secondo molte testimonianze, il terremoto è stato avvertito in modo forte a diverse centinaia di chilometri. Chiaramente avvertito anche a Lima, nella Capitale peruviana, ma soprattutto nel vicino Ecuador, poi anche in Colombia e in Brasile.

L’evento sismico si è verificato in piena notte, prima delle 3 del 26 maggio. Sempre secondo le testimonianze la scossa è durata diverse decine di secondi, anche oltre il minuto.

Sul quotidiano “La Republica di Lima” è stato postato un video che mostra una discoteca dove si esibiva il cantante cantante Ezio Oliva in cui si vede chiaramente il tremore della struttura. Il cantante si è poi fermato invitando alla calma tra le urla e il panico dei giovani.

A Yurimaguas, città della regione del Loreto, è stato segnalato il crollo di alcune case. I pazienti dell’ospedale generale sono stati evacuati, riferisce il quotidiano peruviano.