Due forti terremoti ai Caraibi, vicino Cuba: magnitudo 7.8 e 6.5. C’è allerta tsunami

Sisma avvertito anche in Florida, a L'Avana e in Giamaica. Panico e gente in strada. "Tremore intenso e forte ed edifici che oscillavano", le testimonianze. Poi una seconda scossa di magnitudo 6.5


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Un potentissimo terremoto di magnitudo 7.8 è avvenuto alle Cayman, alle 14.10 (le 20.10 in Italia). Il sisma è stato registrato in mare a qualche decina di miglia dall’arcipelago del mar dei Caraibi, in un’area non distante dalla Giamaica e da Cuba, che distano un centinaio di chilometri in linea d’aria.

L’evento sismico, seguito dopo un’ora e mezza da un altro evento di magnitudo 6.5, è stato localizzato a una decina di km di profondità. Non si hanno al momento notizie di danni a cose o persone, ma è stata lanciata l’allerta tsunami, per la prima scossa poi revocata, ma rilanciata nella seconda. Secondo diverse testimonianze sui siti di geofisica, il sisma è stato intenso e gli edifici hanno oscillato.

La scossa è stata avvertita in Messico e anche a Miami, in Florida, dove alcuni edifici in centro città sono stati evacuati in maniera precauzionale. Alcuni media locali hanno riferito che all’avvertire della scossa alcuni residenti hanno lasciato immediatamente gli edifici e si sono riversati per strada.

Il sisma è stato avvertito nella capitale cubana L’Avana, dove diversi edifici sono stati evacuati, così come in diverse province dell’isola. “Il terremoto – riferiscono i media cubani  – è stato percepito in molte province, come Guantanamo, Santiago de Cuba, Holguin, Las Tunas, Cienfuegos, L’Avana, Pinar del Rio e il comune di Isla de la Juventud”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM