Covid, in Svizzera migliaia in piazza contro il lockdown. Monta la rabbia: “Ora Basta!”. Polizia fischiata

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza a Berna, Basilea, Zurigo e altri centri per protestare contro le restrizioni in vigore nel paese per contrastare la diffusione del covid.

Gruppi di centinaia di persone, tra cui anziani, bambini e disabili, si sono radunati davanti al parlamento nella capitale Berna per manifestare il loro disappunto contro il lockdown.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

I dimostranti hanno dato voce alla loro rabbia per le misure introdotte a metà marzo, compresa la chiusura di scuole, ristoranti ed esercizi commerciali. I cittadini svizzeri in piazza sostengono che le restrizioni violano i diritti fondamentali, così come sta avvenendo in tanti paesi, tra cui l’Italia.

Questo è il secondo sabato che la gente protesta per le restrizioni sociali ed economiche imposte dal governo elvetico. Ma sui media mainstream all’estero trapela poco o nulla. La Polizia intervenuta per disperdere le manifestazioni organizzate “in violazione delle disposizioni” è stata accolta con fragorosi fischi.

Gli agenti non sono intervenuti con multe e dispersioni per via della presenza di bambini e anziani, evidentemente stanchi di questa situazione surrreale. Anche Amnesty international ha condiviso le ragioni della protesta.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM