Massiccia protesta a Berlino e Londra: “Stop alla dittatura del Covid”

Proteste nelle più importanti capitali europee contro le misure restrittive anti-covid. "No alle ondate permanenti. Il Coronavirus è una farsa, uno strumento per instaurare un golpe globale"

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

Qualche milione di perone hanno manifestato a Berlino, Londra e in altre capitali europee per protestare contro le misure anti-covid. A Berlino hanno gridato slogan contro la cancelliera Merkel e le scelte di restrizione imposte dal governo: “Stop alla dittatura del coronavirus”, “La mascherina è un bavaglio”, “Basta fake news di regime e media mainstream”, hanno urlato tra i tanti altri slogan. La polizia, in tenuta antisommossa, era in mezzo alla folla per invitare i manifestanti a rispettare il distanziamento, impossibile per la grande folla accorsa.

Nella capitale tedesca era presente anche Robert Fitzgerald Kennedy Jr., il nipote del presidente americano ucciso nel 1968. Appassionato il suo discorso alla grande folla presente nella piazza stracolma di Berlino.

La manifestazione, autorizzata, è partita dalla Porta di Brandeburgo, con quasi cinquantamila persone, centinaia di migliaia secondo gli organizzatori, e uno schieramento di centinaia di agenti. Le autorità avevano inizialmente deciso di non consentire la manifestazione temendo che i partecipanti previsti non potessero mantenere una distanza di 1,5 metri gli uni dagli altri o che non rispettino i requisiti per l’uso della mascherina.

Il divieto ha suscitato l’indignazione da parte degli organizzatori e dei loro sostenitori che hanno inondato i social con messaggi di rabbia. Ma alla vigilia della protesta, il tribunale amministrativo di Berlino si è schierato dalla parte dei manifestanti, dicendo che non c’era alcuna indicazione che gli organizzatori avrebbero “deliberatamente ignorato” le regole.

Nella notte è salita la tensione con qualche migliaio di manifestanti che si sono avvicinati al palazzo del Reichstag, l’odierno Bundestag, sede del parlamento tedesco. Ci sono stati scontri e feriti. La polizia avrebbe fermato decine di persone, poi rilasciate, e disperso i manifestanti. Esposto anche uno striscione con su scritto “Prima ondata, seconda ondata, ondata permanente?”.

Una protesta simile a quella di Berlino è stata fatta a Londra. Migliaia di persone sono scese in piazza per denunciare il regime di restrizioni imposte in nome del Covid. I manifestanti si sono radunati a Trafalgar Square per protestare contro la “dittatura sanitaria”, contro le restrizioni e il 5G. Sono stati alzati cartelli con la scritta “le maschere sono museruole” e “nuova normalità = nuovo fascismo”.

Proteste simili hanno avuto luogo a Parigi, Vienna e Zurigo dove in decine di migliaia hanno urlano la loro rabbia contro il regime sanitario. “Il Covid è una farsa”, “E’ uno strumento che serve alle èlite per instaurare una nuova dittatura globale”, tra i tanti slogan e cartelli.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB