18 Gennaio 2022

Ex fedelissimo di Bill Gates svela: “Tentò di comprarsi il Nobel per la Pace”

Il premio "è ciò che Bill vuole più di ogni altra cosa al mondo", ha detto un ex dipendente della Gates Foundation. Le frequentazioni con il miliardario pedofilo Jeffrey Epstein avrebbe portato al divorzio con Melinda

Stessa categoria

Il divorzio di Bill Gates da sua moglie Melinda fa scoprire di giorno in giorno nuovi retroscena. E stavolta ne è uscito fuori uno davvero succulento. Ha a che fare con l’ossessione del fondatore di Microsoft di vincere il Premio Nobel per la Pace. Ecco perché avrebbe lasciato la sua azienda il 27 giugno del 2008. Si disse da più parti, in quell’occasione, che Gates lasciava per dedicare tutto il suo tempo ad “aiutare” gli altri per vincere l’ambitissimo premio. E per farlo Bill si sarebbe messo nei guai, perché sapeva bene che non bastava solo aiutare gli altri, ma servivano anche le giuste “influenze”.

Al di là delle dichiarazioni pubbliche, rivela oggi il Corriere che Bill Gates “teneva in preallarme la fondazione, ogni anno, nel giorno della comunicazione del vincitore del Nobel per la pace: doveva sempre esserci qualcuno pronto a rispondere al telefono, nonostante le nove ore di fuso orario tra la Svezia e Seattle”.

Ieri, il magazine online Daily Beast spiegava che l’imprudente, incomprensibile, rischiosissima frequentazione di Gates con il miliardario pedofilo Jeffrey Epstein (morto in carcere nel 2019) che ne sta gravemente danneggiando la reputazione e avrebbe provocato il divorzio dalla moglie Melinda, era dovuta al suo desiderio di vincere il Nobel.

Epstein, intrallazzone della finanza internazionale con una lunga lista di clienti istituzionali e amici potentissimi, era l’uomo giusto per far presa sull’Accademia? “Eravamo consapevoli del rischio per la reputazione della fondazione e di Bill e Melinda – ha detto un ex dipendente della fondazione al Daily Beast, ripreso dal Corriere – Bill pensava che Jeffrey sarebbe stato in grado di aiutarlo, che avrebbe conosciuto le persone giuste, che avrebbe trovato il modo per aggiustare le cose in modo da poter ottenere il Premio Nobel per la pace, che è ciò che Bill vuole più di ogni altra cosa nel mondo”.

Conclude l’articolo del Corriere: “Un altro grande intrallazzone della nostra epoca, il petroliere Armand Hammer (1898-1990), messaggero diplomatico top secret tra Washington e Mosca, fece di tutto per vincere il Nobel: dopo la sua morte si scoprì che a forza di pressioni (e elargizioni) arrivò a un solo voto dal premio. Che però quell’anno fu assegnato a un concorrente, il Dalai Lama. Hammer era proprietario del Codice Leicester leonardesco, che ribattezzò Codice Hammer. Dopo la sua morte, gli eredi hanno messo all’asta quel tesoro leonardesco. Dal 1994 è di Bill Gates…”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER