Negli Usa vaccini sperimentati sugli adolescenti: 7 morti e 271 eventi avversi gravi

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Negli Stati Uniti i vaccini sperimentali somministrati ai giovani dai 12 ai 17 anni ha provocato 7 morti e 271 eventi avversi gravi. E’ quanto emerge dai report del Vaers rilasciati dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

“I dati di questa settimana, dal 14 dicembre 2020 all’11 giugno 2021, per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano: 6.332 eventi avversi totali, inclusi 271 classificati come gravi e sette decessi segnalati tra i 12 ei 17 anni”, si legge sul sito Defender che cita rapporti ufficiali del Vaers (123)

Il numero di eventi avversi segnalati questa settimana in tutte le fasce d’età a seguito dei vaccini COVID ha superato i 350.000 casi, secondo i dati diffusi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). I dati provengono direttamente dalle segnalazioni inviate al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

I dati pubblicati oggi – si legge ancora nel sito Defender che cita i dati ufficiali del CDC – mostrano che tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021, sono stati segnalati al VAERS un totale di 358.379 eventi avversi totali , inclusi 5.993 decessi , un aumento di 105 decessi rispetto alla settimana precedente. Ci sono state 29.871 segnalazioni di lesioni gravi, in aumento di 1.430 rispetto alla scorsa settimana.

Dei 5.993 decessi segnalati all’11 giugno, il 23% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione, il 16% si è verificato entro 24 ore e il 38% si è verificato in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione. 

Negli Stati Uniti, all’11 giugno erano state somministrate 306,5 milioni di dosi di vaccino COVID. Ciò include 128 milioni di dosi del vaccino di Moderna, 167 milioni di dosi di Pfizer e 11 milioni di dosi del vaccino COVID di Johnson & Johnson (J&J).

L’Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP) del CDC ha pianificato la scorsa settimana di tenere una riunione di emergenza per discutere il rapporto rischio-beneficio dei vaccini COVID mRNA negli adolescenti e nei giovani adulti. L’agenzia ha riprogrammato l’incontro giovedì scorso, ma poi è saltato dopo che il Congresso ha ufficialmente stabilito il giorno dell’indipendenza nazionale di giugno come festa federale.

L’incontro si terrà ora durante una riunione ACIP regolarmente programmata dal 23 al 25 giugno. La riunione di emergenza è stata annunciata la scorsa settimana dopo che il CDC ha riconosciuto un numero superiore al previsto di segnalazioni di infiammazione cardiaca nei giovani dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer o Moderna .

Il CDC il 10 giugno scorso ha dichiarato di essere a conoscenza di un totale di 475 casi di miocardite o pericardite in pazienti di età pari o inferiore a 30 anni. La divulgazione è stata fatta durante un’audizione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per considerare quali dati l’agenzia avrebbe bisogno per estendere l’ autorizzazione all’uso di emergenza dei vaccini COVID per i bambini sotto i 12 anni.

dati del CDC hanno mostrato 196 segnalazioni di miocardite e pericardite tra i 18 ei 24 anni fino al 31 maggio, rispetto a un tasso previsto compreso tra otto e 83 casi. Tra i 16 ei 17 anni, sono stati segnalati 79 casi di miocardite e pericardite fino al 31 maggio. Il tasso previsto tra le persone in questa fascia di età è compreso tra due e 19 casi. 

Una ricerca degli ultimi dati disponibili in VAERS ha rivelato 1.117 casi di miocardite e pericardite, tra tutti i gruppi di età segnalati negli Stati Uniti a seguito della vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021. Dei 1.117 casi segnalati, 686 casi sono stati attribuiti a Pfizer, 391 casi a Moderna e 36 casi al vaccino COVID di J&J.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM